SANREMO 2012: Promossi e Bocciati

Il Festival di Sanremo 2012 si è concluso.

E come di consueto “bisogna” tirarne le somme.

E’ tempo di pagelle. E’ tempo di promossi e bocciati.

E visto che io sono il pubblica da casa…merito di dire la mia. Giusto?

Iniziamo con le cose belle (tanto per alleggerci l’animo)

Promossi:

  • Arisa e Noemi: Le loro canzoni sono gioielli che l’Italia, spero, si porterà avanti nella sua tradizione musicale.
  • Il podio rosa: in un film dove i protagonisti sono stati tutti uomini, il pubblico da casa, quando realmente interpellato, ha votato la delicatezza di tre donne dall’animo forte.
  • Geppi Cucciari: la dimostrazione che non si dà mai abbastanza spazio ai veri talenti.
  • Gigi D’Alessio, Loredana Bertè e Fargetta: la loro esibizione del remix del pezzo dei due cantanti è stato un vero tesoro prezioso di trash volontario e fatto con gusto e attenzione di dettagli.
  • Twitter: il vero gruppo d’ascolto è stato su Twitter, per giorni invaso da commenti e giudizi su questo disastroso festival.

Bocciati:

  • Celentano-gate: E’ stata la rovina del festival della CANZONE ITALIANA, ormai conosciuto solo come FESTIVAL DI SANREMO. Politica, religione, polemiche. Non dico che non siano giuste, ma c’è luogo e luogo. Sanremo dovrebbe portare la bandiera della musica italiana e non un pretesto di share. Quello vien da se.
  • La gara: strutturata male. 5 giorni per solo 14 (mediocri in molti casi) canzoni. La serata dei duetti internazionali, intenta a celebrare l’italiana musica nel mondo, aveva senso nel suo 150esimo. Quest’anno fuori luogo. In più negli anni che furono il bello di questi duetti e sentire le nuove versioni di questi cantanti internazionali, grazie alle quali si capiva la vera internazionalità di un brano.
  • I comici: la satira politica non fa più ridere. Ufficiale. Forse perché non c’è niente da ridere.
  • Le vallette: disastrosa immagine della donna relegata, male, ad avvenenza e risatine. L’unica in grado di saper sfruttare a suo favore questo ruolo continua a essere Belen e la sua farfallina. Non so se questo sia un complimento o no. Canalis completamente trasparente sia a livello artistico che a livello estetico (magnatela ‘na cosetta ogni tanto!!). Ivana addirittura imbarazzante per la sua completa e totale inutilità e biancume.
  • Gianni Morandi: un anno di tempo per organizzare questo. E selezionare queste canzoni. Complimenti.

Per la prima volta mi trovo a dover bocciare, senza possibilità d’appello, Il Festival di Sanremo.

Voto trasmissione: 4

Voto interpretazione: 4

Voto look: 4. Sanremo è la città dei fiori. USIAMOLI!

Non mi rimane che attendere Sanremo 2013. Un consiglio da una persona che non sa ne leggere ne scrivere: per l’anno prossimo, leggerezza e semplicità. E’ il festival della canzone italiana, dopotutto. Ricordiamocelo.

FESTIVAL DI SANREMO 2012. SERATA FINALE: VINCE EMMA

Finale.

Si inizia il festival con una sigla su All You Need Is Love con tante tante coppie esclusivamente eterosessuali scambiarsi un bacio…tutti baci veri. Anche troppo.

Ginni suppongo ami anche gli etero…

Entra Morandi. Solita roba.

Entrano Papaleo e Ivana, in un nude look che la rende nuovamente utile.

Inizia la gara.

Nina Zilli – Per Sempre

Bella è bella. Ma a questo giro ha esagerato ancora più delle serata precedenti con il suo tributo a Amt Winehouse. La canzone continua ad annoiarmi di banalità.

Voto Canzone: 5

Voto interpretazione: 6 (tante, troppe imprecisioni)

Voto look: 6

Loredana Berte e Gigi D’Alessio – Respirare

Questa canzone continua a scalare la mia personale classifica di gradimento. Anche se il remix è tutta un’altra storia…e continuo a preferirlo di gran lunga. Infatti lo ho scaricato da Itunes.

Voto Canzone: 8

Voto interpretazione: 8 (anche la Lory in grande forma vocale)

Voto look: 8. Finalmente Gigggggino vestito da adulto.

Entra Geppi Cucciari. Scalza. Perché dice che ha capito che in questo Sanremo per rimanere impresso devi scendere le scale senza qualcosa.

Geppi sia a battuta pronta che a battuta libera si dimostra un cavallo di razza. Assolutamente credibile in tutti i ruoli.

Emma – Non è L’Inferno

Questa canzone continua a non piacermi. Ufficiale. Mi infastidisce all’orecchio.

Ci prova  anche in versione look alla Belen e capello stile anni 20. Risultato poco generoso.

Voto Canzone: 4

Voto interpretazione: 8 (Brava e intenso lo è)

Voto Look: 4

Samuele Bersani – Un pallone.

Una grande palla. E basta.

Voto Canzone: 4

Voto interpretazione: 5

Voto Look: 6

Dolcenera – Ci Rivediamo a casa

Una di quelle canzone che ad ogni ascolto migliora.

Per quanto riguarda il look, nonostante il tentativo, troppi muscoli non si sposano bene con mini abiti.

Voto Canzone: 8

Voto interpretazione: 9

Voto Look: 5

Pierdavide Carone e Lucio dalla – Nanì

Carone rimane una delle cose più interessanti che secondo me sono usciti da Amici. La sua voce è molto bella e il suo stile compositivo è maturo. Questa canzone è ben strutturata e intensamente interpretata. Bel testo. But it’s not my cup of tea, come direbbero gli inglesi.

Voto Canzone: 6

Voto interpretazione: 8

Voto Look: 6

Noemi – Sono Solo Parole

Voce spezzata a momenti. Ma canzone talmente emozionante che non riuscire ad emozionarsi sentendola è impossibile.

Noemi però deve trovare uno stile di look…ancora troppo pecoreccio.

Voto Canzone: 10

Voto interpretazione: 8

Voto Look: 6

Arisa – La Notte.

LA canzone di Sanremo 2012.

Voto Canzone: 10

Voto interpretazione: 10

Voto Look: 8

Eugenio Finardi – E tu Lo Chiami Dio

Bravo. Bella canzone…ma non mi arriva.

Voto Canzone: 6

Voto interpretazione: 7

Voto Look: 5

Francesco Renga – La Tua Bellezza.

Io dire la sua bellezza…sempre più bono. Ma come è possibile? Credo che gli si perdono anche di aver votato Lega…

La canzone in più è sempre meglio.

Voto Canzone: 8

Voto interpretazione: 8

Voto Look: 10

Arriva Centano. IO mi adagio su divano…e mi si chiudono gli occhi. Onestamente mi sveglio giusto in tempo per l’esibizione di Casiillo. Evidente mente non è ancora mezzanotte.

Torna Geppi, vestita da Geppi al G’Day. E intervista un confuso Morandi che si diverte a farsi prendere in giro. Carino. Finalmente qualcosa d’azzeccato.

Ospiti i Cramberries, cantano Zombiee e un’altra. Dolores fa intendee che non je ne frega una ceppa di Sanremo quando non viene ospite.

Classifica provvisoria.

Per il televoto è

  1. Arisa
  2. Emma
  3. Bertè/D’Alessio
  4. Noemi
  5. Carone/Dalla
  6. Dolcenera

La stampa assegna il voto a Noemi che passa in prima posizione. Le tre finaliste che si contengono la vittoria al televoto sono quindi:

  1. Noemi
  2. Arisa
  3. Emma

Ospiti nuovamente Luca E Paolovestiti da Clown. Non so cosa vogliano.

Ivana/Ivana fa un altro indimenticabile balletto sulle note di These Boots Are Made For Walking con tanto di stivali domopack. Tutto molto bello.

Arifanno cantare le tre finaliste.

Inizia Noemi che dà la migliore interpretazione della canzone di tutte le serate.

Seconda è Emma aggressiva…e con quella canzone fa anche impressione quando urla.

Arisa ancora più dolce e emozionata del solito. Commovente.

Canta Papaleo. Noia (anche se fa molto figo de che Papaleo è la rivelazione del festival etc etc etc).

Geppi fa un bellissimo discorso che ci fa sorridere fino alla fine. Non mancando di ricordarci che quello che conta nella vita sono cose serie…

Nina Zilli per l’Eurovision.

Premio alla critica per Samuele Bersani.

Vince Emma Marrone.

Questa settimana sarei potuto uscire.

FESTIVAL DI SANREMO 2012. QUARTA SERATA: SANREMO TORNA SANREMO

 

Si parte con Simona Atzori, ballerina senza braccia. Intensa.E fa riflettere.

Si esibisce su una versione in violino di Smells Like Teen Spirit (Nirvana) di David Shire (violinista tedesco belloccio).

 

Siparietto Rocco Papaleo e Morandi semi politico…la solita cosa.

 

Noemi & Gaetano Curreri – Sono Solo Parole

Iniziamo con la canzone che mi ha fatto piangere sull’autobus due giorni fa. Ebbene si, signori e signore da casa, questa canzone mi ha fatto crollare in pubblico. E non riuscivo a spegnere. Dovevo piangere. Se la canzone di Arisa, come ho già dichiarato, è una carezza notturna…questa è un pugno nello stomaco diurno.

Questa versione in duetto, sebbene con delle incertezze vocali di entrambi, è bella e intensa.

E Noemi finalmente ha bei capelli.

Voto Canzone: 10

Voto interpretazione: 8

Voto look: 8 lei 3 lui

 

Pierdavide Carone e Luicio Dalla & Gianluca Grignani – Nanì

Certo che invitare Grignani a cantare dal vivo per risollevare le sorti di una già debole e zoppicante canzone….

Voto Canzone: 5

Voto interpretazione: 5

Voto look: 5

 

Dolcenera & Max Gazzè – Ci Vediamo A Casa

Questa canzone inizia proprio a piacermi. Il mio orecchio del primo ascolto non sbaglia mai. Un po’ come le mie prime impressioni che non si smentiscono mai.

Questo duetto non toglie e non aggiunge niente alla canzone.

Ma rafforza il mio giudizio più che positivo.

Voto Canzone: 8

Voto interpretazione: 7

Voto look: 8 (Dolcenera dovrebbe vestirsi sempre da donna. Lo è).

 

Entra Ivana. Tutte vestita. Quindi ufficialmente inutile.

 

Gigi D’Agostino e Loredana Bertè & Fargetta – Respirare remiz

Lo aspettavo con ansia. Momento truzzissimo. Ballerini, possibile playback. Gigi vestito da giovanile Village People. Labbra di Lory al limite della gravità. Versione immensa. Finalmente uno scossone nel nome del trash ai ritmi e le finte solennità di questo Sanremo 2012.

Voto Canzone: 10 (ebbene si!)

Voto interpretazione: 10

Voto look: 10

Ok. Ho esagerato…ma sono completamente in tema con la loro esibizione: completamente e kitchemente improponibile!

Rivediamocela:

 

Chiara Civello & Francesca Michelin – quella canzone inutle scritta anni fa per uno di X Factor

Inutile. Neanche il vestito alla Merylin della Michelin risolleva questa canzone mediocre.

Voto Canzone: 3

Voto interpretazione: 5

Voto look: 8

 

Sabrina Ferilli e i suoi zigomi vi salutano dalle scale. Cantano tutti e quattro. Lei, gli zigomi e Morandi. Poi chiacchere bla bla bla Pippo Baudo bla bla bla cinepanettoni bla bla bla tette bla bla bla

 

Samuele Bersani & Paolo Rossi

Questa versione dovrebbe aggiungere impegno. Per me rimane una grande palla=pallone

Voto Canzone: 5

Voto interpretazione: 5

Voto look: 7 a Bersani 2 a Rossi vestito da barbone

 

Mio padre dice che non c’è ritmo. Morandi e a disagio. E va a dormire.

 

Eugenio Finardi & Peppe Servillo e Piccolo Ensemble Futuro del Conservatorio di Milano – e tu lo chiami Dio

Finalmente in questa versione la canzone acquista spessore emotivo. Anche se alla fine, non è nulla di nuovo.

Voto Canzone: 6

Voto interpretazione: 8

Voto look: 6

 

Nina Zilli & Giuliano Palma e Fabrizio Bosso – Per Sempre

Ci provo e riprovo. Anche oggi ascoltavo la radio ci ho provato. E ci provo ora con Giuliano palma….ma a me questa canzone non lascia nulla. Ma nulla. Poi inizio a non sopportare, nonostante la sua indubbia bellezza, questo suo sentirsi tra Mina e Amy Winehouse…

Voto Canzone: 4

Voto interpretazione: 6

Voto look: 8

 

Arisa & Mauro Ermanno Giovanardi & e il violino del maestro di cui non ricordo il nome.

Una carezza notturna durante un pianto solitario. Perfezione.

Voto Canzone: 10

Voto interpretazione: 10

Voto look: 8

 

Alessandro Siani. Vabbuò iah…vado a fumarmi una sigaretta, vah…

Torno, fa battute…poi si fa serio e parla dell’unità d’Italia dicendo una cosa bella:

“Per me L’Italia è come il mare. Indivisibile”.

Ivana salutandolo dice che non ha capito niente. Brava. Continua a dimostrare inutilità.

 

Emma Marrone & Alessandra Amoroso – Non è L’Inferno

Nulla…non je la posso fa manco a famme piacè sta canzone. Nonostante ci provi. Amen…me ne farò una ragione…

Voto Canzone: 4

Voto interpretazione: 8

Voto look: 8 (molto belle entrambe)

 

Matia Bazar & Platinette – Sei Tu

Matia Bazar e Platinette…la risposta italiana a Eminem e Dido. Bella. Intensa. Recitata. Cantata. Spoglia. Senza trucchi e senza trucco. Anzi, un trucco leggero. Delicata. Anche questo è Platinette. E questi sono i soliti grandi Matia Bazar.

Voto Canzone: 9

Voto interpretazione: 10

Voto look: 8

 

Platinette chiude dicendo, in risposta a I Soliti Idioti (e Morandi) “amo gli etero”. Morandi replica “e io amo gli omosessuali”. Perdendo un’altra buona occasione per stare zitto.

 

Francesco Renga & Scala & Kolacny Brothers – La Tua Bellezza

Ina versione orchestrale quasi inutile…ma lui quanto è bono? QUANTO?

Voto Canzone: 6

Voto interpretazione: 7

Voto look: 10

 

A questo punto forse ho deciso la mia top 3:

1) Arisa 2) Noemi 3) Matia Bazar ex equo con Loredana Bertè e Gigi D’Alessio

 

Arrivano, direttamente da X Factor UK 2010, i One Direction. decisamente non sono più una ragazzina con gli ormoni in subbuglio…

Noi avevamo I Duran Duran…fate voi.

 

Momento giovani.

 

Casillo ha cantato bene. E si è messo a piangere alla fine. Porello. Ha 16 anni, direbbe mio padre.

 

I Iohosemprevoglia non li tollero.

 

Marco Guazzone. Lui bello e bravo. E la canzone mi piace. Dovrebbe vincere. Ma non lo farà.

 

Erica Mou. Non la tollero. Fate voi.

 

Momento marketta Ballado Con Le Stelle. Lady Tata (bona come non mai) sul palco… con lei Vieri e un altro calcatore che ignoro (scusatemi).

Poi salgono sul palco Paolo Belli e La Signora Carlucci e il suo tupè.

Mega marketta. Noia.

 

Da Io Canto con furore vince Casillo.

Il premio della critica invece va alla spocchiosa Mou.

 

Dalla finale escono Chiara Civello e i Matia Bazar! I MATIA BAZAR!!! …ho paura che la vagina gigante della prima serata abbia vinto contro la Mezzanotte. Ma anche questo è Sanremo.

 

Concludo con l’annuncio ufficiale dato da Morandi…che Celentano tornerà domani. Preferivo I Matia Bazar!

 

A domani…e stiamo UNITI!

FESTIVAL DI SANREMO. TERZA PUNTATA: MA SANREMO NON ERA SANREMO?

 

Ammetto che scrivere questo blog non è e non è stato facile. L’ho iniziato almeno tre volte. Il primo approccio era di fare una telecronaca come per le prime de serate. Ad un paio di esibizioni mi sembrava ovvio che questo non sarebbe successo. La piega della serat non era delle più coinvolgenti. Man mano che i duetti andavano avanti i miei appunti andavano diradandosi sempre più e i miei tweet andavano ad aumentare con frasi di sconforto e amarezza. Ad un certo punto avevo deciso che il mio blog sarebbe stato della lunghezza massima di 140 caratteri, la lunghezza massima di un tweet, questo:

 

A me oscuri utilità e fine di questa orrendo spettacolo.

 

Poi ho deciso che magari due righe in più non avrebbero fatto male. Forse è stata l’apparizione di Patti (con la i) Smith o forse il vestito da bambina horror della Bertè. Fatto sta che sono qui a scrivere.

Questa terza puntata è stata veramente l’essenza di questo festival: prossimazione e luoghi comuni.

I duetti spesso e volentieri fuori luogo (Macy Gray assolutamente sopravvalutata e fuori luogo in quello che sarebbe potuto essere uno straordinario omaggio alla Bertè). Una leggenda come Brian May che si ritrova a cantare con Irene Fornaciari. La standing ovation a Patti Smith e la sua bellissima Because The Night che viene rovinata da ciò che l’ha seguita: la canzone sulla Foca cantata da Pappaleo. E poi la gara. Che fine ha fatto la gara?

C’era una volta il Festival della Canzone Italiana.

Oggi cosa abbiamo? Ben CINQUE serate per 14 misere (e mediocri nella maggior parte) canzoni. Che spesso passano in secondo piano. Nella terza serata addirittura non vengono accennate se non per le quattro che dovrebbero che si contengono i due posti del ripescaggio. E a che ora inizia la gara? Alle 00:45. In questo momento sono le 01:18 e ancora non accennano a dirci chi passa il turno.

Che fine ha fatto il Festival Di Sanremo? Eppure l’anno scorso sembrava essere tornato ai suoi massimi splendori. Quest’anno è un insulto a tutti quegli sfigati che, come me, aspettano 360 giorni per questo grande evento.

Poi un appunto: bella si l’idea di riportare i duetti con le star internazionali…ma il bello degli anni passati di questa operazione era che cantavano altre versioni delle CANZONI IN GARA!!!

Se vogliamo fare una sera per celebrate l’Italia…possiamo sempre farla. In Un altro momento. Non durante Sanremo!

Quest’anno è come se Sanremo fosse ospite o fosse stato inghiottito da altre trasmissioni.

Aridateme Pippo! O Bonolis…o perché no Fiorello.

Non ho molto da aggiungere se non che hanno ripescato Carone/Dalla e D’Alessio/Bertè (e meno male). E comunque sono le 00:24.

A domani…sperando in una cosa decente!

 

Ps. Ma che s’è (o non s’è) magnata Sarah Jane Morrris?

Ps2. Nella classifica di Itunes al momento la più scaricata è Noemi. Tra i giovani Celeste gaia e la sua Carlo. Che vi avevo detto io? ;)

FESTIVAL DI SANREMO 2012. SECONDA SERATA: FINALMENTE LA GARA.

La prima parte del Festival la perdo causa ritardo dal lavoro. Ma, in diretta telefononica con la mia amica Francesca, mi rendo conto che non sto perdendo molto, a parte l’esibizione di Nina Zilli che recupero successivamente.

Nina Zilli – Per Sempre.

Canzone debole. Continua a non convincermi. Lei sempre molto bella e dal dettaglio ricercato.

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 6

Voto Look: 8

Arisa – La Notte

Considerando che oggi è stata l’unica canzone che ho già scaricato…più l’ascolto più mi emoziono. Stupenda. Emozionante. La canzone del festival. Sembra una carezza nottorna.

Voto canzone: 10

Voto interpretazione: 10

Voto Look: 9

Gigi D’Alessio e Loredana Bertè – Respirare

l mio animo trash inizia ad amare la coppia D’Alessio/ Bertè… e la loro canzone così nazional-popolare! Aspettando la versione truzza con Fargetta nella serata dei duetti! Non vedo l’ora!!!

Voto canzone: 8

Voto interpretazione: 7

Voto Look: per il ribbon rosso (messo comunque dalla parte sbagliata) della Berte…un bell’8!

Entrano le donne inutili…con battute inutili e vestiti decenti. Comunque belle. Bisogna dare a Cesera ciò che è di Cesare.

Pierdavide Carone e Lucio dalla – Nanì

Comunque meglio…ma citando mio padre: “mah….mi aspettavo molto di più da Dalla”

Voto canzone: 6

Voto interpretazione: 7

Voto Look: 6

Alessandro Casillo – E’ Vero

Da Io Canto con furore… Tanta emozione e con una canzone di rara e scontata bruttezza!!!

Povero…poi bisogna dirgli che Justin Bieber ha cambiato look….

Voto canzone: 3

Voto interpretazione: 4

Voto Look: 5

(microfono aperto) Casillo “Cantato bene?” . Morandi: “Ma si dai…”

Giordana Angi – Incognita Poesia

Devo proprio commentare? Ok. Inutile.

Voto canzone: 3

Voto interpretazione: 4

Voto Look: 4

Matia Bazar – Sei Tu

Vinta la battaglia contro la vagina gigante, Silvia Mezzanotte e i Matia Bazar ci ricordano come si fa Sanremo. Bella canzone da Radio Italia.

Voto canzone: 7

Voto interpretazione: 8

Voto Look: 7

Eugenio Finardi – E Tu Lo Chiami Dio

La Canalis lo introduce come Ugenio Finardi. Annamo bene. Sempre mio padre: “Ammazza! se uno come Finardi deve cantare una canzoncina del genere…stanno messi male sti cantanti!”. Ecco. Non potevo metterla meglio!

Voto canzone: 4

Voto interpretazione: 5

Voto Look: 4

I Solidi Idioti. Preferisco non commentare.

Mio padre, che inconsapevole sta dettandomi il blog: “Ma questi non fanno ridere! Sono proprio idioti” io “si chiamano I Soliti Idioti…e si, non fanno ridere”. Lui” ah ecco. Nome appropriato”.

Vince coso di Io canto…vabbè…

Altro duello tra i giovani.

Iohosemprevoglia – Incredibile

Boh. Mi annoiava. Finti già arrivati.

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 6

Voto Look: 4

Celeste Gaia – Carlo

Quella che mi incuriosiva di più… un inizio promettente e un vestito da Barbie che va al mercato dei fiori. Orecchiabile e ottima tenuta di scena. si perde un po’ nel finale. Confido in un remix. Possibile tormentone.

Voto canzone: 8

Voto interpretazione: 8

Voto Look: 7 (il look ingenua scosciata tira sempre)

Sempre mio padre: “Sti giovani sono messi proprio male! vado a dormire, vah!”

Emma – Non E’ L’Inferno

Ok! Non era colpa di Celentano. La canzone di Emma è brutta e basta.

Voto canzone: 4

Voto interpretazione: 6

Voto Look: 3. Molto elegante con il suo vedo e rivedo nero su completino di bermuda bianchi e scarpe, sempre bianche, con zeppa. Sisisi Elegante!

Con un vestito tutto colorato…. Ecco a voi: visita ginecologica in eurovisione per Belen! Che bel momento di classe. Questo per cercare di rubare la scena all’ingresso di Ivana (reduce da torcicollo, pare)? Ah si. C’è anchela Canalis.

Entra e parla Ivana. L’interesse scende. Forse rivoglio le donne inutili.

Cambio repentino d’idea: che bello quando i belli hanno difetti…in questo caso è una bellissima risata da cavalla timida e un po’ ritardata. Potrebbe avere valore involontario di comicità.

Marlene Kuntz – Canzone per un figlio

Ma perché sono andati a Sanremo? Perché? E poi…con una canzone così banale??

Voto canzone: 3

Voto interpretazione: 5

Voto Look: 6.

Irene Fornaciari – Grande Mistero

Andiamo migliorando. I Marlene Kuntz hanno veramente ammosciato l’aria. Questa canzone ora sembra un’allegra sagra delle cotiche e della porchetta.

Anche i vestiti migliorano: questa volta non rubati più al papà ma alla zia.

Voto canzone: 4

Voto interpretazione: 5

Voto Look: 3

Samuele Bersani – Un Pallone

un pallone = una grande palla?!

Lui sempre belloccio però…bisogna ammetterlo…

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 6

Voto Look: 7

I soliti idioti. Vado a fare la pipì.

Passa Iohosemprevoglia. Ciao Ciao Celeste Gaia. Ci rivediamo per il remix.

Erica Mou – Nella Vasca Da Bagno

Auto-chiamatosi artista…

Posso usare una parolaccia? (tanto siamo a Sanremo…certo che posso!). Anzi no, io ho più classe: ma va a fare orecchiette con cime di rapa! Insopportabile!

Voto canzone: 3

Voto interpretazione: 4

Voto Look: 4

Bidiel – Sono Un Errore

Mah.

B D L = Beh Dai Levateve?!

Voto canzone: 3

Voto interpretazione: 3

Voto Look: 3

Chiara Civello – Al Posto Del Mondo

La “famosissima” jazzista ovviamente deve tornare a fare jazz. Il pop non fa per lei. Decisamente.

Voto canzone: 4

Voto interpretazione: 4

Voto Look: 8 sta molto bene in questo vestitino rosa Barbie. Ed è belloccia. Meglio sul palco che in foto.

Belen ci informa che le mutande le sono cucite sotto il vestito. Molto utile.

Noemi – Sono Solo Parole

Stupenda Noemi. Vestito bello, capelli raccolti (cambia colore, grazie), interpretaazione intensa. Canzone stupenda. Testo doloroso. Magica.

Voto canzone: 10

Voto interpretazione: 9

Voto Look: 8

I Beh Dai Levateve…se ne sono andati.

Altri due giovani. Non so se posso reggere…

Marco Guazzone – Guasto

Belloccio (per non parlare del direttore d’orchestra 22enne). Canzone interessante. Giacca stile discoball un po’ meno. Comunque da seguire…sperando in una bella carriera. Finalmente un giovane bravo.

Voto canzone: 7

Voto interpretazione: 8

Voto Look: 4

Giulia Anania – La Mai Che Non Ti Ho Scritto

Per la Anania cantare con la direzione di Vessicchio è un sogno di una vita. per lui, credo, l’incubo che rimarrà nel resto della sua.

Voto canzone: 2

Voto interpretazione: 2

Voto Look: 4

I soliti idioti che fanno i gay. Urto.

Non solo non mi fanno ridere quando fanno i gay, ma mi sento quasi offeso. E io ho un ottimo senso dell’umorismo.

Francesco Renga – La Tua Bellezza

Canzone rivalutata. Ieri non so come mai non avevo apprezzato. Veramente bella e magistralmente strutturata.

E lui è bono. Quanno ce vò ce vò!

Voto canzone: 8

Voto interpretazione: 9

Voto Look: 8

Doclcenera – Ci Vediamo A Casa

La canzone mi convince sempre di più. Orecchiabile, fresca e piacevole. Nulla di nuovo, ma molto piacevole.

Lei molto carina questa sera in vestitino molto rock-chic.

Voto canzone: 8

Voto interpretazione: 9

Voto Look: 8

Ivanka/Ivana fa un balletto. Utile. Bello. Sensuale. Fluido. E come no?

Dopo questi 30 secondi di staticità Morandi la manda a riposare…beh va beh, direbbe qualcun altro.

I soliti Idioti cantano nuovamente. Non mi fanno ridere.

Passa il turno Marco Guazzone. Strano.

Finalmente un ospite internazionale: Martin Solveig! Canta Hello ma senza I Dragonette. Molto carina come interpretazione. Finalmente un po’ di vita giovane e giovanile… ma tutto viene ammazzato e morandizzato nuovamente con una scenetta di Rocco papaleo che fa il finto DJ: perché?????!!!! Perché ci dobbiamo far riconoscere sempre???!!!

Esclusi:

Gigggggino e la Lory!!!!! Ma che scherziamo!!?? Questo è un Bastardo-dramma ratgato 2012!

Irene Formaciari. Strano. Ma tanto ce la ripropinano l’anno prossimo…

Marlene Kuntz. Gentilmente non lo fate mai più!

Pierdavide carone e Lucio Dalla. Questo è quello che si rischia quando ti viene chiesta una bella canzone e ti rifiuti di dalla! (dopo I soliti Idioti questa battuta scommetto che vi ha fatto sbellicare, vero?)

Domani comunque due delle quattro verranno ripescate tramite il televoto.

A domani!

FESTIVAL DI SANREMO 2012. PRIMA SERATA: LO SCONFORTO

 

Arrivo tardi e tutto trafelato…e perdo la canzone iniziale di Luca E paolo.

Mi becco comunque tutte le chiacchere politiche…che forse si potevano evitare. Necessito di musica!!!!

Passano poi alla presa per i fondelli di Celentano e, citando la sua ormai storica lavagna, scrivono “ Caro Adriano, avevi torto. La foca ha rovinato il paese!”. Ahhah

 

Arriva Gianni Morandi…e si apre ufficialmente la serata!

La sigla è ispirata ad Odissea 2001, o cose del genere, non guardo certi film…e devo dire che è di una bruttezza quasi imbarazzante!

Due chiacchere senza senso di Morandi…e pubblicità.

Certo…l’inizio non è di migliori!!!

 

Dolcenera – Ci Vediamo A Casa

Vestita da finta giovane, Dolcenera (che secondo Morandi sta conquistando l’Europa..) ci regala un bezzo ben strutturato e con possibilità di essere un tormentone. A primo ascolto mi piace e, nonostante non regali nulla di nuovo alla discografia, mi immagino già a canticchiarla alla radio.

Voto Canzone: 7

Voto interpretazione: 7

Voto look: 4

 

Samuele Bersani – Un Pallone

Vestito da mago Bersani mi regala una bella delusione. Canzoncina banalotta. Da lui mi aspetto molto di più.

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 6

Voto Look: 4

 

Arriva Rocco Papaleo.

Altre battute stile satira politica…ma durano poco.

Da Stiamo Uniti si passa Stiamo Tecnici (governo tecnico etc ). Vabbè…quando si torna alla musica???!!!

 

Noemi- Sono Solo Parole

Canzone stupenda, intensa, vera. Mi ha emozionato. Mi ci sono ritrovato.

Voro Canzone: 9

Voto interpretazione: 9

Voto look: & (forse la preferisco con i capelli lunghi)

 

Francesco Renga – La Tua Bellezza

Un look che vuole strizzare l’occhio ai gay…con una canzone che vuole strizzare l’occhio ai rockettari…ma sono solo strizzatine d’occhio. Banale.

Voto Canzone: 4

Voto Interpretazione: 6

Voto look: 5

 

Chiara Civello – Al Posto del Mondo

Non sapevo chi fosse prima…e onestamente ne potevo far a meno. Banale. Scontata. Già sentita (in tutti i sensi).

Voto Canzone: 4

Voto Interpretazione: 4

Voto look: 6

 

Irene  Fornaciari – Grande Mistero

Cara Irene Fornaciari, non ci interessa di chi sei figlia. Goditi i soldi di tuo padre e smettila di farci sanguinare le orecchie. Grazie.

Voto Canzone: 2

Voto Interpretazione: 4

Voto look: 3 (magari i vestiti rubali a mamma invece che a papà per la prossima serata…)

 

Morandi fa finta di introdurre un cantante e scoppia una fina guerra (oltre quella su twitter contro la Fornaciari). Io riconosco il video di Celentano…eccolo. Arriva.

Un monologo senza senso sulla chiesa, la Rai, etc…

Poi entra la Canalis che recita la sua parte: lei è l’Italia che vuole andar via dall’Italia…meno male che c’è lei a famme fa du risate!

Celentano canta, arriva Papaleo…io ho perso tutto l’interesse!

Celentano se la prende con Aldo Grasso…che non mancherà di rispondere (a tono, a giusto).

Compare Pupo…e fanno un siparietto politico veramente ridicolo, inutile, senza senso e fuori luogo! ARIDATEME ER TOTIP!

Autocito un mio tweet:

“l’unica cosa che mi farebbe rivalutare questo monento è l’idea della Bertè che entra e urla: “AVETE ROTTO ER CAXXO”!!!!  #sanremo

Magari l’anno prossimo 10 canzoni in più e tante cose fuori luogo in meno??? Grazie!

…e alla fine ci canta la sua (bella) canzone dall’ultimo cd. Non bastava fargli fare solo quello???

E dopo interminabili 50 minuti: pubblicità!

 

Torniamo alla gara, vah.

 

Emma – Non è L’Inferno

Forse non a caso la canzone “politica” dell’anno arriva subito dopo Celentano.

Sarà che Adriano mi ha provato, sarà che vorrei una canzone d’amore…ma non riesco a connettermi con il brano seppur meritevole.

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 6

Voto look: 7

 

Marlene Kuntz – Canzone Per Un Figlio

Speravo proponessero una bella canzone. Io ormai sono così desolato da questo festival che non riesco ad apprezzare più nulla. O forse non c’è niente degno di essere apprezzato?

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 5

Voto look: 6

 

…è quasi mezzanotte e devono cantare ancora metà dei cantanti…e invece cantano (in playback) Belen e la Canalis (che riesce a stonare anche con la voce preregistrata).

 

Eugenio Finardi – E Tu Lo Chiami Dio

Presentato dalle due donne inutili dell’anno scorso e da Morandi che lo definisce un ribelle (!!!)

Una bella e banale canzone d’autore.

Non necessitavo.

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 5

Voto look: 5

 

E finalmente….

 

Gigi D’Alessio e Loredana Bertè – Respirare

Pezzo poco più che mediocre. Di Sanremese memoria. Di D’alessiana memoria. ..già voglio bene a questa canzone. Quindi la promuovo! E sono sicuro che con il passare del tempo e on la versione da disco potrei trovarmi ad amarla in poco tempo.

Voto canzone: 8

Voto interpretazione: 7 (una coppia artistica da credibilità pari a zero…diciamolo…)

Voto look: 8 Bertè vestita da Moira Orfei con i capelli sciolti e 4 a Giggino.

 

Nina Zilli – Per Sempre

Una canzone banale che ha la presunzione di essere una grande e sontuosa  canzone. Inutile.

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 6

Voto look: 8 (almeno è bona)

 

Telegiornale

Rocco Papaleo che a questo punto può dire e fare tutto quello che vuole ma io sono talmente incazzato e deluso che potrei spuntare in un occhio a chiunque abbia pensato che questo potesse essere un Sanremo accettabile.

Il mio stato d’animo è talmente inviperito.

È mezzanotte passata e ancora devono cantare 3 cantanti su 14. E il programma è iniziato alle 20.30!

 

Pierdavide Carone e Lucio Dalla – Nanì

In questo momento voglio piangere. Neanche Dalla riesce a risollevare le mie speranza. Canzone troppo delicata e troppo di nicchia. Capisco lo sforzo e la direzione che Carone vuole prendere…ma anche per questa mi aspettavo di più.

Voto canzone: 6

Voto interpretazione: 7

Voto look: 6

 

Arisa – La Notte

Finalmente una canzone degna di questo nome! Delicata, grande, dal testo emozionante e quasi fuori luogo…ma mai fuori posto. Bella veramente.

Voto canzone: 10

Voto interpretazione: 8

Voto look: 8 (tenera nell’avere difficoltà nello scendere le scale con i tacchi…una bambinona dal vocione)

 

Matia Bazar – Sei Tu

La Mezzanotte torna in carica dei Matia e lo fa con la canzone sanremese che tanto necessitavamo per tutto il festival. Canzone carina…lei sembrava intrappolata in una grande vagina carnivora! Alto potenziale di longevità.

Voto canzone: 7

Voto interpretazione: 8

Voto look: 7

 

Morandi ci comunica che non ci sanno eliminati per guasti tecnici! La giuria in sala si ribella. A me sembra tutto ridicolo!! Domani quindi quattro eliminati…

Morandi ci presenta che i giovani con delle clip…

 

Loro salutano. Io piango…e rivoglio Pippo Baudo, la mora, la bionda…e tutte le cose nazional popolari!

Blog per Deegay.it

Ciao ragazzi,

se vi diverte leggere i miei post, potete andare a questo indirizzo dove trovate tutti i miei blog (ad alto tasso di contenuto ironico) sul Grande Fratello, X Factor…e varie ed eventuali (compresa l’Isola dei famosi 9)!

Buona lettura…e buon divertimento :)

http://www.deegay.it/eventi/autore/igor.html

 

R.I.P. Whitney Houston

Quando muore, prematuramente, un mito dei tuoi tempi ti rimane sempre quell’amaro in bocca.

Ieri notte ci ha lasciato Whitney Houston.

Io non sono uno di quelli che appena muore qualcuno ne diventa fan e ne compra tutta la dscgrafia in un giorno…il rispetto per la morte e per il ricordo deve essere tale: riespetto.

Ma Whitney era Whitney…e la sua discografia già la posseggo.

E oggi sono in (triste) vena di ascoltarla.

Quale modo migliore di ricordarla se non farlo attraverso la sua musica e attraverso i ricordi della quale è stata la colonna sonora della mia vita?

1) Million Dollar Bill (Freemasons Remix)

Qunado succedono queste cose la memoria inizia subito a farsi viva e recuperare tutti i ricordi che in qualche modo cercano di tenere in vita l’essenza di questi artisti.

Il primo ricordo che mi è sobbalzato alla memoria è quando ho avuto il privilegio di incontrarla ad X Factor UK. Non che abbia interaggito con lei, ma era li a de passi.

Era venuta a presentare il suo singolo di ritorno MIllior Dollar Bill e s prospettava una di quelle performanmce da non dimenticare. Tra le varie fortune, nonostante fossero a porte chiusissime, sono stato tra i pochissimi autorizzati ad assistere alle prove. Una intima performance da un milione di dollari. Ricordo benissimo che con chi era con me, pensammo e commentammo subito dopo: “WOW! The Queen is back! Back! Back!”. I mostri del passato sembravano ovviamente appartenenti al passato, appunto. Entusiasti per quello che avevamo visto e per quello che avremmo visto (chissà come sarebbe stato il vestito di scena, etc…), andiamo a mangiare, ci prepariamo per la diretta, guardiamo la gara e dopo circa due orette e mezzo dalle prove è arrivato il momento della performance ufficiale.

Come sia andato il live e successiva intervista è tristemente noto (per rivederlo ecco il link http://www.youtube.com/watch?v=0WSd6eRUDQ8).

Non so cosa Whitney abbia fatto (o abbia usato per calmare i nervi)  in quelle due ore e mezzo in camerino….ma non era la stessa persona che sorridente e con potenza vocale aveva strabigliato tutti duranete le prove.

In quel momento stesso capii che forse non ci sarebbe stata una nuova luce pronta a far brillare quella stella.

 2) Queen Of The Night

Essendo un figlio degli anni 70 dire che la Houston non mi ha accompagnato fino al mezzo del cammino di mia vita sarebbe impossibile. Chi, della mia generazione, di quella precedente e di quella successiva non conosce le canzoni di Whitney Houston? Chi almeno una volta non ha assistito al massacro al karaoke di I Will Always Love You? Ma lei non era solo quella canzone…anzi. Per quanto mi riguarda, quello è, tra i suoi pezzi, quello che non ascolto mai. Ma proprio mai. Per saturazione (come My Heart Will Go On di Celine Dion…). E dalla colonna sonora di The Bodyguard ho sempre amato il pezzo da vera Diva, con la D maiuscola: Queen Of The Night

3) How Will I Know

Ricordo benissimo l’allegria e la freschezza che Whitney mi trasmise la prima volta che la vidi a Music Telelevision o a Deejey Television (questo, creda faccia me e i miei ricordi ufficialmente vintage)…e ricordo bene la dichiarazione che fece su Madonna su come lei non avrebbe permesso ai suoi figli di ascoltarla perché essere un cattivo esempio. Al tempo la nostra Whitney era una ragazzina pulita e piena di voglia di fare e vivere.

4) Could I Have This Kiss Forever (Metro mix) Feat Enrique Iglesias

Una canzone leggera, sdolcinata…che ben rappresentava il mio stato d’animo del tempo. E i balletti con le mie coinquiline.

5) My Love Is Your Love

Di tutte le canzoni di Whitney Houston forse questa è quella a cui sono più legato e che ha rappresentato un ricordo indelebile. Sapevo che quella notte avrei fatto l’amore per la prima volta con quello che sarebbe divenato da li a poco il mio ragazzo e uno dei miei grandi amori (ma questo ancora non lo sapevo al momento…anche se ne avevo un sensore). Avete presente quando volete che tutto sia perfetto…e che anche la musica deve essere quella giusta? Io scelsi questo album… e ogni volta che sento questa canozne e chiudo gli occhi è come se stessi ancora vivendo quel momento magico e perfetto. Sfortunatamente non stiamo più insieme…ma il ricordo rimane con me.

6) I Learned From The Best

Nello stesso album si trova la mia canzone preferita di Whitney in assoluto.

And so you know the way it feels to cry
The way that I cried when you broke my world in two
And baby I learned the way to break a heart
I learned from the best, I learned from you

7) It’s Not Right but It’s Okay (Thunderpuss Radio Mix)

Sempre dallo stesso periodo proviene quello che a tutt’oggi è secondo me il remix più bello e meglio riuscito di tutti i tempi. Non parlo solo di Whitney, ma in generale. Io amo quasi sempre i remix soprattutto quelli delle ballate, e questo raggiunge la perfezione. Non c’è vòta che lo ascolto che non mi faccia alzare in piedi e ballare. Capolavoro.

8) I’m Your Baby Tonight

Ero ragazzino, esisteva ancora il mercato dei 45 giri…ricordo di aver girato un paio di negozi per trovare questo. Una volta trovato volevo pagare con 10.000 lire. Se vi ricordate (e siete vecchi come me) al tempo venivano circa 3.500 lire. Alla Standa, dove lo trovai, non avevano il resto e mi dissero di ripassare il giorno dopo. Secondo voi quando lo portai a casa? Quel giorno o il giorno dopo? Alla cassiera pesava il sederone e non aveva voglia di andare alla altra cassa a spicciare i soldi… ovviamente, capito che io non mi sarei smosso da li, trovò magicamente il resto. Io tornai a casa e consumai, tutto soddisfatto, il mio nuovo 45 giri!

9) Whatchulookinat

L’inizio del declino artistico (quello personale era iniziato già da qualche anno). La prima volta che si accostava il nome Whitney Houston con la parola flop. Io era da poco arrivato a Londra e non capivo come mai nessuno fosse più interessato a lei e come tutti dicessero che questa canzone fosse orrenda. Io l’ho sempre vissuta come il primo segnale di richiesta d’aiuto. Fintamente allegra, tristemente vera. Ricordo di aver trovato l’album ad un paio di sterline già dopo una decina di giorni dalla sua realizzazione. Triste.

10) I Wanna Dance With Somebody

Ma noi, tutti noi, la vogliamo ricordare così.

…………………..

Finisco il mio post con quella che trovo essere la sua canzone che ben rappresenta lo stato d’animo di molti di noi oggi:

Heartbreak Hotel

 

R.I.P. Whitney Houston, Jesus does loves you.