BENTORNATA KYLIE MINOGUE – INTO THE BLUE: LYRICS VIDEO + INFO ALBUM

kylie minogue iss me once cover copertina

 

Kylie Minogue per anni (insieme alla sorella Dannii) è stata la mia ossessione musicale sin dai tempi di I Should Be So Lucky fino all’album X che aveva un po’ deluso….

Ritrovarla in splendida forma è solo che un piacere…oggi è uscito il lyrics video di Into The Blue che tanto (mi) fa sperare in un album in grande stile Princess Of Pop.

Bentornata Kylie.

Da oggi è anche disponibile il pre-order del nuovo album Kiss Me Once e spicca sicuramente il duetto con Enrique Iglesias, altra mia grande passione musicale. Incrociamo le dita.

 

  1. Into the Blue
  2. Million Miles
  3. I Was Gonna Cancel
  4. Sexy Love
  5. Sexercize
  6. Feels So Good
  7. If Only
  8. Les Sex
  9. Kiss Me Once
  10. Beautiful (feat. Enrique Iglesias)
  11. Fine

DELUXE

  1. Mr. President (Bonus Track)
  2. Sleeping With the Enemy (Bonus Track)
  3. Into the Blue (Video)
  4. Into the Blue (Making the Video)
  5. Into the Blue (Trailer)
  6. Behind the scenes of the Kiss Me Once photoshoot (Video)
  7. Kylie on Kiss Me Once (Video)

VALERIO SCANU – LASCIAMI ENTRARE : RECENSIONE ALBUM BRANO PER BRANO

valerio scanu lascimao entrare cover copertina

Dopo tante parole dette e scritte su Valerio Scanu (da me e da molti altri sul web, in TV etc) eccoci finalmente arrivati alla  resa dei conti e a far parlare la musica, perché dopotutto Valerio Scanu è un cantante.

Con questo primo album autoprodotto (con la sua etichetta NatyLoveYou) Valerio Scanu diventa anche cantautore a tutti gli effetti poiché ben 8 brani sugli 11 presenti portano infatti anche la sua firma; tra i collaboratori scelti per la stesura dei brani spiccano ai mie occhi Luca Mattioni che già in passato ha scritto molte delle canzoni -a mio personale parere- più belle del cantante sardo (Mio, Aria Colorata, ect) e Davide Rossi, figlio del Blasco nazionale.

Un disco dal risultato paradossale poiché è nella freschezza di sonorità che fa trasparire una maturità artistica, come a volersi finalmente liberare di un vestito troppo usato e ritrovare il proprio io e la propria dimensione sia personale che musicale .

Di seguito troverete i titoli delle canzoni con le relative spiegazioni da Valerio stesso e il mio commento.

Sui nostri passi:

Nella vita a tutti capita di ripensare al passato, di ripensare a come sarebbe andata se ci fossimo comportati diversamente o cosa sarebbe successo se avessimo preso un’altra via, un’altra decisione. (Valerio)

Il singolo di lancio dal vibe fresco e giovanile. Un Valerio che si ripropone al pubblico con un suono nuovo. Perfetto per le radio, se solo…. 

Come fanno le stelle:

Nella girandola di una vita che tutto cambia e tutto rivoluziona, gli uomini si fermano a guardare. Così come le stelle, essi aspettano, dondolandosi sull’altalena della mente e del cuore. (Valerio)

Canzone allegra, piena di profonda spensieratezza. 

Parole di cristallo:

Liberarsi, senza rimpianti, dalle fredde catene di un’ossessione. Note dolci e soavi si scontrano con la durezza delle parole. (Valerio)

Il brano scritto con Davide Rossi. Conosco il brano sin dalla sua versione demo che già mi colpì da subito. La versione finale è senza ombra di dubbio la canzone più bella dell’album che unisce in modo sublime il Valerio nuovo con quello vecchio. Al primo ascolto di questa versione da disco, devo essere onesto, mi è scesa una (o anche più di una) lacrima  per colpa merito del suo stupendo testo che raggiunge il suo apice con la frase “mi rifiuto di amarti in un modo che non mi appartiene….che non ci fa bene”. Stupenda. 

Lasciami entrare:

Un ritmo accattivante ed originale, segna l’ingresso nel mondo dell’ electro-pop. Il testo snocciola il tema della conquista amorosa, attraverso la sensuale e convincente metafora del gioco d’azzardo. (Valerio)

Quando Valerio mi fece sentire la prima volta questo brano il mio commento fu “che bello sentirti cantare una canzone da 23enne”. Confermo il mio giudizio aggiungendo che è senza dubbio il singolo perfetto per l’estate 2014. 

Per noi:

Come le lancette di un orologio, le parole del brano scandiscono il tempo imperituro di un amore appassionato, nonostante le paure di un domani che verrà. (Valerio)

Dopo la bastonata emotiva della traccia numero 3, serviva qualcosa di musicalmente più leggero. Quello che mi piace di questo album è come venga usato tutto il registro vocale, in questo brano durante il ritornello si va su con le note in quel modo che fatto da lui sembra facile…. 

Ancora per me:

Un viaggio introspettivo in simbiosi con il paesaggio circostante fa da apripista ad una richiesta d’amore incontenibile, nel brano più intimo del disco. (Valerio)

Sentendo questo brano mi viene in mente la parola sottovoce. Un brano dalle sonorità delicate dove la voce di Valerio si unisce alla musica come il più delicato e preciso strumento.

Alone:

Da una storia finita male, malinconia e rabbia si alternano, tra strofe e ritornelli, dove trionfa il soul nella sua espressione più pura. (Valerio)

Il primo dei due pezzi in inglese. Un pezzo dal sapore soul-disco anni 70 tipiche della Gloria Gaynor di I Will Survive. Perfetto in questo punto dell’album (ottima la sequenza con cui sono stati scelti i pezzi, ndr). 

Un giorno in più:

Musica e parole tratteggiano ricordi struggenti che, in un crescendo vocale, travalicano un destino fin troppo crudele…. (Valerio)

“e non importa se non ci sei nel mio domani…e se mi aspetta un mondo senza più colori” Onestamente non ho molto altro da aggiungere su questa canzone….

Vorrei dirtelo:

Un refrain incalzante confessa le ferite di un legamecapace di restare saldo solo quando si riconoscono i propri errori…dietro alle nuvole, il sole. (Valerio)

Al primo ascolto questa canzone non mi aveva convinto….ma come spesso (mi) succede se una canzone non mi convince ma mi colpisce è destinata ad essere quella che a lungo andare spiccherà. Ed è infatti già così…un piccolo gioiellino pop.

Sometimes love:

Sonorità black ‘n soul si fondono nel pezzo più internazionale dell’album. La visione disincantata di quel grande sentimento che, a volte, non riesce ad essere abbastanza. (Valerio)

Di questo brano già ne ho parlato sul post del concerto di Natale del 15 dicembre (qui il link). Una malinconica ballata soul.

Dormi:

Brano dal sapore dolceamaro che chiude il cd. Una ballad intessuta di sentimenti contrastanti, desiderati e vissuti nella dimensione onirica. (Valerio)

Piano e voce per chiudere un ciclo a 360 gradi di sonorità ben amalgamate tra di loro.

Per concludere un álbum coraggioso e riuscito per iniziare un nuovo capitolo della giovane (seppur già longeva) carriera di una delle voci più interessanti del panorama italiano.

Valerio incontrerà i suoi fans, per il firma copie  del nuovo album. Queste le prime date :

  • 27 Gennaio (Torino – Mondadori Multicenter ore 17.00) Anteprima
  • 28 Gennaio (Milano – Mondadori Multicenter ore 17.00)
  • 29 Gennaio (Roma – Discoteca Laziale ore 17.00)
  • 31 Gennaio (Loc. Boscofangone Nola – Mondadori c/o Cc Vulcano Buono)
  • 02 Febbraio (Bologna – Mondadori Multicenter ore 17.00)

L’album è già disponibile come pre-order su iTunes (dove potete trovare le anteprime dei brani) a questo link: https://itunes.apple.com/it/album/lasciami-entrare/id794404671

www.twitter.com/valerio_scanu   www.facebook.com/valerioscanu  www.youtube.com/valerioscanuofficial   www.instagram.com/valerio_scanu

Questo slideshow richiede JavaScript.

NB: Tengo a precisare una cosa, la mia recensione si basa su giudizi oggettivi e non “viziati” dalla mia conoscenza personale dell’artista. Se l’album non mi fosse piaciuto non lo avrei recensito…

“SAPORE DI TE” : RECENSIONE DEL NUOVO FILM DEI VANZINA

SAPORE DI TE LOCANDINA

Una cosa che io amo è l’onestà. Onestà di sentimenti, di idee, di intenzioni…e quindi in base a questa mia premessa bisogna essere onesti, evitando facili snobismi, anche riguardo a questo film.

Quando mi trovo a fare una recensione di una qualsiasi cosa tengo sempre presente un motto inglese che mi di venne insegnato all’inizio della mia attività giornalistica: “Does it what it says on the can?” che tradotto letteralmente vuol dire “fa quello che dice sulla lattina?” che, messo in un italiano migliore, vorrebbe dire “mantiene la promessa fatta dalla confezione/pubblicità?”. Ecco… la risposta immediata per Sapore di Te è un ovvio si.

Con la premessa consapevole che si sta andando a vedere un film dei Vanzina, che potremmo tranquillamente aspettare di vederlo in TV… se si decide, come ho fatto io, di andare al cinema a vederlo è perché abbiamo voglia di leggerezza e qualche risata (anche scontata e casereccia).

Detto ciò, come è il film? Il film è molto gradevole e ripropone la formula dei vecchi Sapore Di Mare con un’ambientazione che si sposta dagli anni 60 agli anni 80; la cosa buffa che ho notato in sala è che c’erano molti giovani ma tra canzoni e citazioni che solo chi ha vissuto -o quantomeno realmente amato quegli anni- può aver colto, mi sono trovato spesso a ridere quando ridevano gli altri ma a ridere anche quando gli altri non lo facevano.

Un film dal sapore amarcord consigliato soprattutto dai 30anni in su in cui vengono raccontati e riesumati gli status symbol, gli usi e i consumi di un decennio che ha lasciato il segno; dove la politica, il gossip, i tradimenti, i primi amori e tutto quello che gira intorno a essi sembrano rimasti immutabili nel corso del tempo.

Tra gli attori spiccano la mia amata (e sottovalutata) Nancy Brilli e un formidabile Maurizio Mattioli che riesce ad equilibrare benissimo la sua romanità senza mai scadere (troppo) nell’ovvio. Vincenzo Salemme, Serena Autieri, Paolo Conticini, Martina Stella, Katy Saunders, Virginie Marsan,Giorgio Passotti, Valertia Graci… fanno tutti il loro lavoro in modo onesto e piacevole. Un occhio di riguardo va anche per il giovane Eugenio Franceschini che nel film fa innamorare tutte le teenagers…e in sala tutte le “teenagers dentro”.

La colonna sonora è ben pensata, infatti presenta brani famosissimi ma non scontati…quasi a voler rafforzare l’intento di film cult; non passa inosservata alla mie orecchie Non Voglio Mica La Luna di Fiordaliso, da sempre la mia canzone italiana preferita. Ma come non menzionare anche Surivor del compianto Mike Francis? e Tropicana del Gruppo Italiano?

Un film gradevole da vedere soli o in compagnia per svagarsi quell’oretta e mezzo e tornare in un mondo dove non esistevano cellulari, computer a portata di tutti e gli incontri erano segnati dal destino.

Il film alla fine fa un riassunto su quello che succederà ai protagonisti….e questo chiude un po’ la possibilità di un Sapore Di Te…Un Anno Dopo. Ma ancora non so se questo sia un bene o meno.

“Does it what is says on the can?”. La riposte è si…con un bel sorriso aggiunto.

VALERIO SCANU – SUI NOSTRI PASSI: DA OGGI DISPONIBILE

valerio scanu sui nostri pazzi itunes

 

Finalmete è arrivato in tutti i digital store Sui Nostri Passi di Valerio Scanu.

Dico finalmente perché è come se fosse un mio nipote che è finalmente stato partorito.

E come uno zio che si rispetti sono orgoglioso di quanto è bello. Tutto allo zio! :))))

Merda! Merda! Merda! Per Valerio che da oggi inizia ufficialmente una nuova Per scaricare S

Per scarcera Sui Nostri Passi su iTunes questo è il link https://itunes.apple.com/it/album/sui-nostri-passi-single/id781341797

FROZEN – IL REGNO DI GHIACCIO: RECENSIONE

FROSEN DISNEY LOCANDINA OROLOGIO

 

Chi di voi oltre me sono o sono stati convinto di andare a vedere un film della Disney con protagonista un pupazzo di neve doppiato (in modo sublime) da Enrico Brignano? Ovviamente con premesse come questo (divertentissimo a mio avviso) teaser non si poteva pensare altro…

Io completamente ipnotizzato da Olaf (il nome del pupazzo di neve) non ho poi fatto caso a nient’altro: nella mia mente c’era solo lui…che oltretutto mi faceva mori dal ridere ogni volta che vedevo una pubblicità.

Allora, se ancora dovete andare a vedere il film dovete sapere che Olaf è solo un personaggio secondario che appare nel secondo tempo e che in realtà la trama si basa su un rapporto tra due sorelle e dai problemi che susseguono quando la più grande delle due (destinata a diventare regina) perde il controllo dei suoi poteri che rendono ghiaccio tutto quello che tocca.

Sicuramente se il trailer per la TV fosse stato questo non c sarebbero state grosse delusioni da parte mia:

Quindi dobbiamo considerare questi film più nel filone principesse che nel filone Nemo.

Con questa premessa lo spirito d’approccio del film cambia completamente: potete capire la mia frustrazione per tutto il primo tempo in cui Olaf si vede solo per 5 secondi e per il resto le due sorelle non fanno altro che cantare “drammi esistenziali”.

Ma nel secondo tempo tutto cambia, la musica diminuisce e le battute aumentano e si ritrova un giusto equilibrio di un bel film natalizio della Disney.

Sicuramente un passo indietro a livello qualitativo rispetto a Ralph Spaccatutto che l’anno scorso non solo mi aveva sorpreso ma mi aveva anche inaspettatamente commosso fino alle lacrime.

Bisogna ammettere che gli effetti speciali soprattutto nel momento della costruzione del castello di ghiaccio sono molto suggestivi….ma io avrei usato meno effetti speciali e avrei messo pià Olaf

Quindi, cara Disney, posso avere un film per il natale 2014 con come protagonista un pupazzo di neve di nome Olaf?! Me lo devi. Grazie.

 

UN BOSS IN SALOTTO: RECENSIONE

un boss in salotto recensione biglietto locandina

Sarò onesto, sono finito a vedere questo film per caso e quello che avevo sentito dire su questo film era così contrastante che non me ne ero fatto un’idea pre visione. La scelta “all’ultimo minuto” era tra questo e Colpi Di Fortuna, essendo quest’ultimo nella lista nera dei film che non vorrò mai vedere, io e la mia amica in incognito abbiamo optato per Un Boss In Salotto; tutto sommato abbiamo pensato che potevamo rifarci gli occhi con Argentero ;)

La trama è molto basiate: Ciro è un boss della camorra che,in attesa del processo,sconta gli arresti domiciliari in provincia di Bolzano, a casa della sorella Cristina e del di lei marito Michele. Cristina in realtà si chiama Carmela e ha mantenuto segreto le sue origini partenopee con tutte le conseguenze che l’arrivo del fratello possono avere nella sua apparente perfetta famiglia.

Il film sebbene sia una commedia all’italiana molto semplice e molto terra-terra, risulta essere molto godibile con molte battute azzeccate e recitazione impeccabile di tutti i suoi protagonisti: Rocco Papaleo nei panni del boss sembra quasi un fumetto, Paola Cortellesi bravissima a mantenere la parte della signora del nord con un accento impeccabile, Luca Argentero a suo agio come non avevo mai visto, menzione speciale ad una divertentissima Angela Finocchiaro nei panni della donna razzista e arrivista del nord. Anche i baby attori non se la cavano niente male…

La riuscita di questo film si deve quindi all’azzeccato cast che riesce a equilibrare bene una trama a volte scontata.

Riassumendo in una frase porte dire: se vi va di trascorrere un’ora e mezzo in allegria senza troppe pretese allora questo è il film che fa per voi. Non vi cambierà la vita ma vi metterà un sorriso sul viso.

Un’ultima nota di apprezzamento va sicuramente all’azzeccatissima colonna sonora, specialmente il trash di A Me Piac A Nutella del Piccolo Lucio che ben rappresenta l’esasperazione trash del filone neomelodico campano.

VALERIO SCANU – SUI NOSTRI PASSI: IN ARRIVO IL 7 GENNAIO IL SINGOLO

valerio scanu sui nostri passi copertina cover

Nel 2013 di Valerio Scanu ne ho parlato molto e credo che sarà la stessa cosa in questo 2014.

In arrivo infatti il 7 gennaio il nuovo singolo che prelude al nuovo album di inediti che uscirà il 28 gennaio.

Un brano fresco, allegro, giovane che era già nel cassetto da qualche tempo.

Un album che ben rappresenta la direzione che possiamo aspettarci per il nuovo album, così atteso da fans e detrattori.

Personalmente ho avuto il piacere di ascoltare già alcune tracce di questo album e devo dire che è un Valerio vecchio stile con un’anima più moderna. Chi lo ha sempre amato non ne resterà deluso e chi non lo conosce bene (o non lo ama particolarmente) forse s troverà a canticchiare di nascosto il ritornello di questo nuovo singolo.

A giorni il video e i vari link per i download saranno disponibili e non mancherà un post per ricordare come fare.

Nel frattempo vi potete godere lo #ScanuVBlog13 con in anteprima il dietro le quinte delle riprese del video.

STORIA D’AMORE GAY NEL NUOVO VIDEO DI OSVALDO SUPINO – GOODBYE

igor scopelliti discoigor osvaldo supino

Osvaldo è un ragazzo speciale. Già in passato ne ho parlato in più occasioni e quello che lo rende speciale e la passione con la quale segue il suo sogno come fosse ogni giorno il primo giorno.

Più passa il tempo e più è consapevole di se stesso e il messaggio che vuole e può lasciare a coloro che si imbattono nella sua musica e nei suoi video.

Il nuovo video, la prima ballad, lo vede più maturo e spogliato di tutti quegli effetti che solo il pop può regalare a un brano o ad un video.

Quello che apprezzi particolarmente di questo video è di aver saputo raccontare i dolori di un amore gay in tinte delicate e non eccessive.

Ci piace.

STEFANIA ORLANDO – LEGAMI AL LETTO: ANTEPRIMA NUOVO SINGOLO

STEFANIA ORLANDO

Quando l’altra sera Stefania ha organizzato una tombolata/ Karaokata per me l’importante era andare prima per riuscire a sentire il demo di Legami Al Letto che, causa mia malattia, erano giorni che volevo sentire.

Appena parte l’intero m’illumino e penso tra me e me “mmm già mi immagino in palestra con questa a bomba nelle orecchie”.

L’atmosfera è elctro-pop dall’odore dubstep con inevitabili melodie della più classica melodia italiana.

Io amo Stefania Orlando cantante, ne amo la sua voce e l’abilità autoriali, ma questo non è perché è una mia amica ma anzi, se non fosse stato per la passione per la sua musica forse non saremmo diventati neanche amici… e credetemi che vi dico che questa è destinata ad essere la mia seconda canzone preferita dell’Orlando (A Troia è A Troia).

Ovviamente io non son qui a cercare di convincere nessuno, nello stesso modo in cui Stefania non scrive canzoni per nessuno se non per se stessa… e questo sicuramente è uno dei motivi per il quale amo questa donna in tutte le sue sfaccettature.

Intanto che la ditta Orlando-Gianlorenzi (il fida(nza)to Gianlorenzi….) finiscono il tutto….abbeccatevi l’anteprima dell’intro.

A VOLTE RITORNANO…. KYLIE MINOGUE – INTO THE BLUE

kylieintotheblue

 

Ieri Kylie ha lasciato intendere su Twitter che Into The Blue sarà il titolo del suo comeback.

Io spero in un ritorno in grande stile poiché Kylie per me è sempre Kylie.

Negli anni che vanno dal 1987 a circa il 2008 è stata, insieme alla sorella Dannii per alcuni anni, la mia cantante preferita collezionandola in modo maniacale tanto da farmi ritrovare a casa anni fa11 differenti versioni del suo CD Fever.  Poi la passione per lei è andata scemando un po’ sia perché i suoi album iniziavano a non corrispondere ai miei gusti sia perché per anni Kylie è stata legata a ricordi d’amore che a volte è difficile affrontare.

Detto ciò, ultimamente sto riascoltando tanto Miss Minogue (non senza lacrime) e sono pronto, prontissimo, a un ritorno in grande stile della grande KYLIE!

Welcome back Miss Minogue.

ANNO NUOVO, LOOK NUOVO. BUON 2014 A TUTTI NOI.

1546013_10151934619931156_1952215493_n.jpg

“Anno nuovo vita nuova” è un detto che mi è sempre piaciuto, non perché alla mezzanotte di capodanno uno debba attivare il pilota automatico del sorriso, ma perché ogni tanto è bello fermarsi, riflettere mettere su un sorriso per affrontare quello che ci aspetta. Capodanno simbolicamente mi sembra una data azzeccata (come lo è il compleanno…).

Il 2013 è stato un anno abbastanza soddisfacente ma che ha portato anche le sue belle delusioni alcune evitabili da parte mia e altre inevitabili da parte della vita.

Un anno sicuramente superiore alla media degli ultimi anni in cui mi sono riscoperto e mi sono rimesso in gioco…e sento che in realtà è stato solo un anno di prova.

Il 2014 lo prendo così, con un sorriso…dal sapore retrò.

E anche il mio blog inizierò a prendere quella piega; leggerete e vedrete più di me e del mio mondo, delle cose che faccio, che ho fatto e magari condividerò con voi qualche mio sogno (impossibile). Sicuramente continuerete a vedere i miei amici, la musica che amo e tutto quello che mi viene in mente,

Continuerete a non leggere cose negative contro niente e nessuno perché a me del click facile non interessa un granché…con questo blog non ci guadagno da vivere e mi piace aver creato una piccola (ma sempre in crescita) di comunità fatta di belle e civili persone.

Che dire di più? ah si….fatemi sapere se vi piace questo look invernale del sito!!

Quindi niente oroscopi, niente numeri, niente autocelebrazioni…ma solo un gran bel sorriso per questo 2014 tutto da scoprire.

Buon anno a tutti noi.

ps. foto scaramantiche di Capodanno :)))