Archivi tag: itunes

TRASH MON AMOUR : NATALIA ESTRADA – DISCOGRAFIA

disco igor natalia estrada

Voi lo sapete, dove c’è il così detto trash musicale e televisivo (che io preferisco chiamare diversamente artistico) ci sono io a tesserne le lodi e buttarmici in mezzo. Però c’è trash e trash. C’è quello becero, spicciolo, senza impegno e volgare…e c’è quello sublime che piace tanto a me.

Della seconda categoria rientra sicuramente Natalia Estrada e la sua discografia.

Ora, bisogna fare qualche premessa:

  1. Natalia Estrada in TV mi manca.
  2. Belen è la nuova Natalia.
  3. La discografia della Estrada….si, oggi parliamo di questo!
  4. Anche solo per una canzone e la mia foto, tutto questo articolo merita.

Come ogni showgirl anni 80/90 la Estrada ha registrato innumerevoli sigle TV inspiegabilmente mai incise su alcun tipo di formato in quegli anni, ma allo stesso tempo tra il 1997 e il 1999 ci sono stati veri e propri tentativi musicali con tanto di contratto discografico reale.

Per andare con ordine dobbiamo iniziare da questo (indimenticabile) spot

In quel periodo regalavano questo cd con ogni bottiglia di Cenar

est

…a questo punto credo di essere stato l’unico o uno dei pochi ad avere questo CD e ad averlo effettivamente ascoltato. Diciamo senza mezzi termini che la copertina non faceva esattamente ben sperare…ma, perché c’è un MA, mi si illuminarono le orecchie a festa: qualcosa mi suonava famigliare. Chi si ricorda la sigla di Fuego!? (qui per rinfrescarvi la memoria). In pochi hanno realizzato che quel motivetto accattivante non era altro che l’intro di questo pezzo:

Capite quindi come una persona come me possa essere tranquillamente entrato in fissa con questo CD da gusto di carciofo? Eres Tierra Del Sol rimane tutt’oggi una delle mie canzoni spagnole preferite. Senza ma e senza se.

Una cosa abbastanza singolare riguarda invece le sue esibizioni al Festivalbar di quell’anno che la volevano protagonista sia con Eres Tierra Del Sol ma anche con Bananas Y Frambuesa, versione spagnola di Banane e Lamponi di Gianni Morandi. In uno speciale arrangiamento super latino, la canzone ha trovato spazio nel singolo di Eres e nella compilation di Festivalbar Latino del 97.

Ma nonostante questo non venne inclusa all’interno del primo (e ultimo) album della Estrada che prendeva il suo nome.

R-4761256-1374669481-2812

 

(Cara Eleonora Sciortino, se ti vuoi dilettare puoi fotomontare la mia faccia su questa foto, grazie).

All’interno dell’album c’è un po’ di tutto: belle canzoni, brutte canzoni, la cover de La Banda in spagnolo, canzoni da villaggi turistici, canzoni da balere, canzoni dal sapore latino che non sfigurerebbero in alcun album di Thalia o Paulina Rubio. E poi c’è questa:

Che io vedrei perfetta coreografata per zumba (che alcuni di voi sanno essere una delle mie passioni massime degli ultimi anni).

Ma c’è anche una chicca truzza-trashona che non può non lasciare quell’effetto di voler smettere di ascoltarla immediatamente ma non si può far a meno di rimetterla appena finita:

Un’altro brano riciclato (giustamente) dal CD Cynar è Oilì Olilà

Insomma, un CD che può riservare delle piacevoli sorprese se vi piacciono i suoni latini e leggeri….quasi estivi, direi.

Ormai la Estrada ha deciso che ha chiuso con le sue velleità artistiche e si è data all’ippica. Nel  verso senso della parola…quando la verità va a oltre la battuta scontata!

Le quotazioni della discografia di Natalia Estrada sono abbastanza basse…diciamo che con 30/50 euro potreste riuscire ad accaparravi tutto su ebay…senza dimenticare delle perle aggiunte negli ultimi anni su iTunes (e disponibili anche su Spotify) di alcune canzoni cantate dalla showgirl cavallerizza spagnola a La Sai L’ultima come la versione dance di My Heart Will Go On e….vabbè, non vi tolgo il gusto di andare a scovarli da soli….bei carciofoni miei!!!

Olè.

INTERVISTA A IVANA SPAGNA : LA MAGIA DELLA MUSICA

Prima di lasciarvi all’intervista con Ivana Spagna, devo fare una piccola -ma importante-  premessa: io AMO la sua musica ed è stato per me molto emozionante poter fare una chiacchierata con lei sulla sua carriera. Ovviamente, come ogni fan che si rispetti, avrei potuto parlarci per ore…ma alla fine bisogna mettere la finta professionalità da blogger davanti e sfruttare fino all’ultimo secondo messoti a disposizione. Volevo quindi ringraziare Letizia e Luca che hanno reso possibile una delle mie “interviste da sogno”. Grazie di cuore a loro….e buona lettura a tutti voi!

10149247_10152078111276156_1003851831_n

Ciao Ivana! Grazie di cuore per questa intervista. Vorrei iniziare subito dal presente: da pochi giorni è uscito il tuo nuovo singolo The Magic Of Love che richiama le tue origini della dance anni 80.

 

Si, mi è tornata la voglia di fare nuovamente la dance e di cantare in inglese. Non ti so dire per quale ragione ma più vado avanti, più aumenta la consapevolezza che devo fare solo le cose che sento di fare. Forse anche per uscire dal grigiore che, nessuno escluso, abbiamo tutti qui in Italia al momento; avevo voglia di fare qualcosa che mi desse entusiasmo, gioia e quindi, visto che per me la gioia è fare la dance, ho riunito tutto il team dei tempi di Call Me, Easy Lady e le altre. Negli anni in cui cantavo principalmente in italiano, ognuno di noi aveva preso la propria strada artistica e allora ho preso il telefono e per primo ho chiamato Larry (Pignagnoli, ndr) e gli ho proposto di fare qualcosa nuovamente insieme, quindi ho chiamato mio fratello Theo, Roby (Roberto) Battini, Annerley Gordon…ed è stata una  vera e propria reunion.

SPAGNA The Magic Of Love

Infatti il mood del brano mi ricorda molto quello di Call Me: una canzone dal testo molto emotivo, ma se poi la uniamo all’arrangiamento dance, allora tutto cambia e ti vien solo voglia di ballare e lasciare alle spalle la tristezza.

Ed è esattamente quello che volevo fare con questa canzone!  Anche se ti capita di non avere niente in tasca, o magari può essere la giornta più uggiosa dell’anno… ma se hai qualcuno vicino che ti vuole bene davvero la magia dell’amore ti fa scomparire tutto, ti pittura il cielo, ti mette l’arcobaleno! L’amore è una magia vera! Volevo trasmettere alla gente la gioia con un pezzo con un messaggio positivo, fatto con entusiasmo… lo stesso entusiasmo che ho vissuto io nel ritrovarmi con questi muscisti. Sembravamo dei ragazzini tornati a fare musica tutti insieme con spensieratezza.

Uscirà anche un nuovo album dance?

Si, vogliamo andare avanti e far uscire qualcosa per natale. Ci tengo tanto che accada.

Mi hanno sempre incuriosito tanto gli innumerevoli pseudonimi che hai, che avete, utilizzato prima dei successi con il nome di  Spagna…

Eravamo sempre NOI! ahahah Delle Fun Fun ero autrice dei testi e cantavo insieme ad Antonella Pepe che ora è una corista in Rai. Poi dopo tanti successi europei e anche un successo in America con un gruppo che si chiamava Advance, proposi di fare qualcosa anche per me…e da lì è nata Easy Lady!

Yvonne K era un po’ una versione demo di Spagna…

Ivonne K era  un progetto che non mi sentivo completamente mio perché non era prodotta da me e musicalmente non suonava come avrei voluto. Solo dopo che Easy Lady era nata ho deciso che sarebbe stato Spagna il nome che volevo usare, un segno di riconoscimento per mio papà, della mia famiglia.

Come spesso hai raccontato è grazie  alla tua famiglia, che ti ha supportato negli anni della gavetta, che oggi possiamo ripercorrere tutti questi tuoi successi.

Assolutamente! Anzi sono sempre stati loro a crederci più di quanto non lo facessi io! Mio padre amava sentirmi cantare e mi diceva sempre che sarei diventata una cantante affermata, io rispondevo sempre con un “ma va là…”. Era lui il vero sognatore….come ti dicevo il nome Spagna l’ho scelto proprio per questi motivi. La famiglia è importante, non avevamo molti soldi ma ci bastavamo noi quattro per darci la forza di andare avanti.

Rimanendo in tema di famiglia, non possiamo non parlare di tuo fratello Theo, che ho avuto il piacere di incontrare in un paio di occasioni e devo dire essere una persona squisita. Lui è una figura fondamentale per la tua carriera…ma bisogna dargli una tirannia d’orecchi: non ti ha dato The Rhythm Of The Night!

Schermata 03-2456735 alle 20.21.32

Ahahah questo si! Ma sai in quegli anni io stavo vivendo negli Stati Uniti e quindi ognuno di noi, come ti dicevo prima, aveva preso anche altre strade professionali e lui realizzava anche altre produzioni. Quando ho scoperto che  quella canzone che sentivo alla radio l’aveva fatta lui effettivamente una tiratina d’orecchi gliela avrei voluta dare!

In un certo senso te ne sei riappropriata! Ormai la canti sempre nei tuoi concerti!

 

Ahahah Perché è una canzone bellissima e mi diverte molto! Ma alla fine è stata solo colpa mia perché ero stata io ad andarmene dall’Italia.

Una curiosità che in pochi sanno è che tu sei stata la prima artista ad aver inciso Mamy Blue e che quindi tutte le versioni, anche famosissime, che ci sono state negli anni sono in realtà cover di una tua canzone!

 

E’ vero! Hubert Giraud, che era l’autore di Dalidà, era venuto in Italia poiché era amico dell’editore della mia casa discografica il quale voleva che Giraud scrivesse  una canzone per me. La canzone in originale diceva “ho 16 anni (anche se ne avevo solo 15) e son già ferita dalla relatà” tutte le versioni dopo sono diventate “avevo 16 anni…” oppure “quano ero giovane…”. Ricordo che andammo alla Mostra Di Venezia ma io non mi sentivo pronta e iniziai a piangere in macchina. Al ritorno capii che non riuscivo a stare lontano dalla mia famiglia. Quindi dopo un altro 45 giri (Ari Ari scritta da Bruno Lauzi, ndr) decisi di rescindere il contratto. Solo compiuti i 18 anni formai un gruppo con mio fratello che, essendo appunto mio fratello, mi riusciva a dare la sensazione di girare e avere sempre con me la mia famiglia. Poi si unì anche Larry, con il quale iniziò una storia…a quel punto eravamo veramente una grande famiglia!

Come hai capito ho molte curiosità da chiederti. Tra queste c’è la nascita di Gente Come Noi e come è stato l’approccio con la stesura di un brano in italiano dopo anni in cui scrivevi canzoni solo in inglese.

Te lo dico subito: dopo che Elton John mi scelse per fare Il Cerchio Della Vita. mi contattò Baudo per Sanremo; io non avevo mai scritto in italiano e quindi il mio produttore di allora mi disse che mi avrebbe trovato lui il pezzo giusto che   provinai un po’ tutelante e…con un febbrone da cavallo! Quando Pippo la sentì non ne fu entusiasta perché disse che voleva altro da me. Allora il produttore mi propose un altro brano ma io risposi che o l’averi scritta io o a Sanremo non ci sarei andata. Mi misi al pianoforte e  il 90% di Gente come Noi  nacque in una sera. Quando Baudo la sentì disse, soddisfatto, che era esattamente la Spagna che voleva.

Probabilmente era anche la Spagna che anche io volevo, forse dovuto anche al fatto che l’italiano era più immediato  e quindi riuscivo ad entrare meglio nel testo.

Capisco quello che vuoi dire perché in un certo senso anche per me l’inglese era come una protezione; avevo una sorta di paura nello scrivere in italiano perché c’era il pudore soprattutto nei confronti di mia madre. Ricordo infatti che lei mi chiedeva sempre di raccontarle di cosa parlassero le canzoni che stavo scrivendo prima che fossero finite ma, per paura che si rattristasse, le dicevo sempre di aspettare. Lo facevo perché con la musica abbinata le parole diventavano una canzone che rende il tutto una cosa diversa in cui il testo e la musica di equilibrano.

Il tuo Sanremo che mi ha emozionato maggiormente, musicalmente parlando, è stato quando hai portato in gara Con Il Tuo Nome: tuttora ogni volta che l’ascolto ho i brividi.

 

Anche a me piaceva tanto quella canzone, veramente tanto.

Per allaciarmi ad un altro discorso, passo per Valerio Scanu del quale il mio blog si occupa spesso e so essere un nostro amico in comune. Con lui hai duettato un po’ di tempo fa durante il suo primo concerto di Natale. Come è nata quella collaborazione?

A Valerio voglio molto bene. Oltre ad essere un bravo cantante è una persona molto intelligente e poi….amo i suoi cucciolini!!!!

Ahahah allora mi leggi nel pensiero perché io volevo arrivare proprio al tuo amore per gli animali! Tra le altre cose tu sei anche una stilista per gli amici a quattro zampe…

Esatto, con la linea Belli Monelli! Gatti, cane, capre…tutti! Gli animali li amo veramente tutti!

Quindi non possiamo non ricordare la tua gatta storica, Bimba…

Ohhh Bimba! Lei è stata così importante…mi ha salvato la vita nel vero senso della parola…

Visto che sei tu a parlarne, prendo spunto proprio dall’aneddoto  che racconti in Quasi Una Confessione, la tua autobiografia, che riguarda Bimba per poter fare una mia personale riflessione: devo dire che dopo l’uscita di quel libro ti ho visto più serena, come se ti fossi liberata di alcuni spettri del passato.

Cover-libro-Ivana-SPAGNA quasi una confessione copertina

Bravo! Bravo! Hai ragione!

Concludo dicendo che la Laurea Honoris Causa in Scienze Della Comunicazione te la sei meritata tutta: sono pochi che riescono a comunicare le emozioni tramite le proprie canzoni come fai, quindi ne hai una Ad Honorem anche da parte del mio cuore.

Ma grazie!  Sei carino davvero!

Grazie a te, Ivana! spero che la mia emozione nel parlarti non mi abbia fatto risultare troppo impacciato!

Sei stato assolutamente perfetto! Io ringrazio te e mando un saluto ai tuoi lettori, a Valerio e… i suoi adorabili cucciolini!

L’intervista finisce qui. Spero che sia stata per voi una bella lettura come è stat per me un’esperienza emozionante. Ivana Spagna si conferma una persona dalla sensibilità unica e con il senso della vita che dovrebbe essere di ispirazione a molti.

The Magic of love è disponibile su iTunes clccando qui.

PERTURBAZIONE – MUSICA X (SANREMO EDITION) : RECENSIONE

Perturbazione_2013_MusicaX

Nonostante siano attivi da più di 25 anni, i Perturbazione stanno avendo la loro prima vera esposizione commerciale in questo 2014 grazie alla partecipazione del 64imo Festival di Sanremo con la riuscitissima L’Unica.

Musica X è uscito l’anno scorso e ristampato in queste settimane con l’aggiunta dei brani presentati alla kermesse canora.

In realtà i Perturbazione me li ha fatti conoscere la mia amica Gabriella (esperta di musica indie italiana) questa estate…Monogamia (nella speciale Gabry Version) è stata uno dei tormentoni dell’estate 2013 (insieme a Zero Carboidrati di Immanuel Casto).

Quando vennero annunciati come partecipanti del festival devo ammettere che il sapere chi fossero mi hanno fatto sentire un po’ speciale.

Ma tornando a noi e all’album: i Perturbazione con Musica X ci regalano un ottimo esempio di compromesso commerciale grazie anche all’ausilio della produzione di Max Casacci dei Subsonica.

De L’Unica ne ho già parlato entusiasta nelle pagelle del Festival, mentre l’altro brano presentato a Sanremo, L’Italia Vista Del Bar, è più un album track che un singolo.

Se l’esperienza sanremese vi ha messo curiosità nei confronti della band piemontese, allora l’album non vi deluderà: brani come Musica X, la già citata Monogamia, Chiticapisce e Lagàmi incontreranno sicuramente i vostri gusti.

La canzone che personalmente trova la più riuscita è Oxessione in duetto con Erica Mou (nuove proposte a Sanremo 2012) che con il suo ritornello “che occhi grandi che hai dal buco della serratura” diventa da subito un’ossessione canterina (quelle canzoni che ti rimangono in testa per ore e ore…).

Nell’album è presente anche un duetto con Luca Carboni, I baci Vietati, che accentua l’attenzione del potenziale radiofonico dei Perturbazione e della facilità di immedesimazione nei testi.

Riassumendo: Musica X è un piacevole viaggio nella più gradevole musica italiana dove tradizione, sperimentazione e innovazione trovano un equilibrio difficile da trovare in questi ultimi anni. E’ evidente che la gavetta porta sempre a decisione di vita sagge.

Voto: 8

Per scaricare Musica X da iTunes cliccare qui, per ascoltarlo da Spotify:

ARISA – SE VEDO TE: RECENSIONE ALBUM

Arisa_Se-vedo-te

Non bisogna farsi ingannare da Controvento, la canzone vincitrice del 64ismo Festival di Sanremo, perché Se Vedo Te è molto di più. Controvento –unico brano scritto di questo album scritto da Giuseppe Anastasi che fino ad ora si era occupato di quasi tutta la produzione discografica della cantante di Pignola-  rappresenta un perfetto ponte tra l’Arisa che conosciamo e quella che è diventata e che sarà.

In questo anno di assenza dalle scene è evidente che Arisa abbia ascoltato tanta musica e abbia cercato autori e sonorità che potessero aiutarla a fare tirar fuori altre sfaccettature della sua anima musicale. E’ evidente che Arisa abbia trovato in Cristina Donà l’anello mancante.  Canzoni come Lentamente (Il primo che passa) -portata anch’essa a Sanremo-, Chissà Cosa Diresti e la title track Se Vedo Te sono perfetti esempi di come la voce di Arisa ben si presta a tutte le sonorità.

Bellissimi i testi che portano il nome di Rosalba Pippa come autrice (La cosa più importante, Quante parole che non dici e Stai bene su di me).

Personalmente trovo che la vera chicca dell’album sia la canzone scritta da Dente, Sinceramente, che è un perfetto esempio della musica italiana dalla quale molti colleghi e colleghe dovrebbero prendere esempio.

Sinceramente ho fatto tutto quello che dovevo, ho detto pure una bugia. Sinceramente

Riassumendo, un bellissimo album che impone Arisa come una delle migliori esponenti di Made In Italy sul mercato, che riesce ad accontentare critica e pubblico. Voto: 9

  1. L’ultima volta – 3:20 (Testo e musica: Angelo Trabace)
  2. Chissà cosa diresti – 3:43 (Testo: Cristina Donà – Musica: Cristina Donà e Saverio Lanza)
  3. La cosa più importante – 4:02 (Testo e musica: Christian Lavoro e Rosalba Pippa)
  4. Se vedo te – 4:25 (feat. Cristina Donà) (Testo: Cristina Donà – Musica: Cristina Donà e Saverio Lanza)
  5. Lentamente (Il primo che passa) – 3:50 (Testo: Cristina Donà e Rosalba Pippa – Musica: Saverio Lanza e Cristina Donà)
  6. Quante parole che non dici – 3:48 (Testo e musica: Antonio Di Martino e Rosalba Pippa)
  7. Sinceramente – 2:34 (Testo e musica: Dente)
  8. Dici che non mi trovi mai – 3:46 (Testo: Cristina Donà – Musica: Cristina Donà e Saverio Lanza)
  9. Dimmi se adesso mi vedi – 3:01 (Testo e Musica: Marco Guazzone)
  10. Controvento – 3:37 (Testo e musica: Giuseppe Anastasi)
  11. Stai bene su di me – 2:57 (Testo e musica: Antonio Di Martino e Rosalba Pippa)

Potete acquistare Se Vedo Te nei migliori negozi di dischi (migliori perché sono gli unici rimasti..) e su iTunes cliccando qui.

Per ascoltarlo in modo LEGALE, potete farlo su Spotify:

ASCOLTA : KYLIE MINOGUE & ENRIQUE IGLESIAS – BEAUTIFUL

kylie minogue iss me once cover copertina

 

 

Come vi avevo detto precedentemente, Nel nuovo album di Kylie Minogue ci sarà un duetto con Enrique Iglesias (brano incluso anche nel nuovo album di lui), che molto probabilmente sarà il secondo singolo estratto dagli album di entrambi.

Oggi è stata presentata in qualche radio nel mondo la canzone in anteprima e, a sorpresa, è un lento. Carino…nulla di più. Mi aspettavo di meglio ad essere onesto. Forse riascoltandola…

Ditemi voi

https://soundcloud.com/kevin-iglesias/enrique-iglesias-beautiful-ft

NUOVO VIDEO PER KYLIE MINOGUE – INTO THE BLUE

Kylie_Minogue_-_Into_the_Blue_(Official_Single_Cover)

 

 

Eccola qui, tornata in grande stile e grande forma. Un video che in qualche modo è un “già visto” che mi ricorda un po’ Spinning Around un po’ Word Is Out  (il che va più che bene).

Un video semplice che lascia ampio respiro alla canzone che ad ogni ascolto si rivela essere sempre di più un gran bel tormetone radiofonico.

Welcome back Kylie!

 

VALERIO SCANU – LASCIAMI ENTRARE : RECENSIONE ALBUM BRANO PER BRANO

valerio scanu lascimao entrare cover copertina

Dopo tante parole dette e scritte su Valerio Scanu (da me e da molti altri sul web, in TV etc) eccoci finalmente arrivati alla  resa dei conti e a far parlare la musica, perché dopotutto Valerio Scanu è un cantante.

Con questo primo album autoprodotto (con la sua etichetta NatyLoveYou) Valerio Scanu diventa anche cantautore a tutti gli effetti poiché ben 8 brani sugli 11 presenti portano infatti anche la sua firma; tra i collaboratori scelti per la stesura dei brani spiccano ai mie occhi Luca Mattioni che già in passato ha scritto molte delle canzoni -a mio personale parere- più belle del cantante sardo (Mio, Aria Colorata, ect) e Davide Rossi, figlio del Blasco nazionale.

Un disco dal risultato paradossale poiché è nella freschezza di sonorità che fa trasparire una maturità artistica, come a volersi finalmente liberare di un vestito troppo usato e ritrovare il proprio io e la propria dimensione sia personale che musicale .

Di seguito troverete i titoli delle canzoni con le relative spiegazioni da Valerio stesso e il mio commento.

Sui nostri passi:

Nella vita a tutti capita di ripensare al passato, di ripensare a come sarebbe andata se ci fossimo comportati diversamente o cosa sarebbe successo se avessimo preso un’altra via, un’altra decisione. (Valerio)

Il singolo di lancio dal vibe fresco e giovanile. Un Valerio che si ripropone al pubblico con un suono nuovo. Perfetto per le radio, se solo…. 

Come fanno le stelle:

Nella girandola di una vita che tutto cambia e tutto rivoluziona, gli uomini si fermano a guardare. Così come le stelle, essi aspettano, dondolandosi sull’altalena della mente e del cuore. (Valerio)

Canzone allegra, piena di profonda spensieratezza. 

Parole di cristallo:

Liberarsi, senza rimpianti, dalle fredde catene di un’ossessione. Note dolci e soavi si scontrano con la durezza delle parole. (Valerio)

Il brano scritto con Davide Rossi. Conosco il brano sin dalla sua versione demo che già mi colpì da subito. La versione finale è senza ombra di dubbio la canzone più bella dell’album che unisce in modo sublime il Valerio nuovo con quello vecchio. Al primo ascolto di questa versione da disco, devo essere onesto, mi è scesa una (o anche più di una) lacrima  per colpa merito del suo stupendo testo che raggiunge il suo apice con la frase “mi rifiuto di amarti in un modo che non mi appartiene….che non ci fa bene”. Stupenda. 

Lasciami entrare:

Un ritmo accattivante ed originale, segna l’ingresso nel mondo dell’ electro-pop. Il testo snocciola il tema della conquista amorosa, attraverso la sensuale e convincente metafora del gioco d’azzardo. (Valerio)

Quando Valerio mi fece sentire la prima volta questo brano il mio commento fu “che bello sentirti cantare una canzone da 23enne”. Confermo il mio giudizio aggiungendo che è senza dubbio il singolo perfetto per l’estate 2014. 

Per noi:

Come le lancette di un orologio, le parole del brano scandiscono il tempo imperituro di un amore appassionato, nonostante le paure di un domani che verrà. (Valerio)

Dopo la bastonata emotiva della traccia numero 3, serviva qualcosa di musicalmente più leggero. Quello che mi piace di questo album è come venga usato tutto il registro vocale, in questo brano durante il ritornello si va su con le note in quel modo che fatto da lui sembra facile…. 

Ancora per me:

Un viaggio introspettivo in simbiosi con il paesaggio circostante fa da apripista ad una richiesta d’amore incontenibile, nel brano più intimo del disco. (Valerio)

Sentendo questo brano mi viene in mente la parola sottovoce. Un brano dalle sonorità delicate dove la voce di Valerio si unisce alla musica come il più delicato e preciso strumento.

Alone:

Da una storia finita male, malinconia e rabbia si alternano, tra strofe e ritornelli, dove trionfa il soul nella sua espressione più pura. (Valerio)

Il primo dei due pezzi in inglese. Un pezzo dal sapore soul-disco anni 70 tipiche della Gloria Gaynor di I Will Survive. Perfetto in questo punto dell’album (ottima la sequenza con cui sono stati scelti i pezzi, ndr). 

Un giorno in più:

Musica e parole tratteggiano ricordi struggenti che, in un crescendo vocale, travalicano un destino fin troppo crudele…. (Valerio)

“e non importa se non ci sei nel mio domani…e se mi aspetta un mondo senza più colori” Onestamente non ho molto altro da aggiungere su questa canzone….

Vorrei dirtelo:

Un refrain incalzante confessa le ferite di un legamecapace di restare saldo solo quando si riconoscono i propri errori…dietro alle nuvole, il sole. (Valerio)

Al primo ascolto questa canzone non mi aveva convinto….ma come spesso (mi) succede se una canzone non mi convince ma mi colpisce è destinata ad essere quella che a lungo andare spiccherà. Ed è infatti già così…un piccolo gioiellino pop.

Sometimes love:

Sonorità black ‘n soul si fondono nel pezzo più internazionale dell’album. La visione disincantata di quel grande sentimento che, a volte, non riesce ad essere abbastanza. (Valerio)

Di questo brano già ne ho parlato sul post del concerto di Natale del 15 dicembre (qui il link). Una malinconica ballata soul.

Dormi:

Brano dal sapore dolceamaro che chiude il cd. Una ballad intessuta di sentimenti contrastanti, desiderati e vissuti nella dimensione onirica. (Valerio)

Piano e voce per chiudere un ciclo a 360 gradi di sonorità ben amalgamate tra di loro.

Per concludere un álbum coraggioso e riuscito per iniziare un nuovo capitolo della giovane (seppur già longeva) carriera di una delle voci più interessanti del panorama italiano.

Valerio incontrerà i suoi fans, per il firma copie  del nuovo album. Queste le prime date :

  • 27 Gennaio (Torino – Mondadori Multicenter ore 17.00) Anteprima
  • 28 Gennaio (Milano – Mondadori Multicenter ore 17.00)
  • 29 Gennaio (Roma – Discoteca Laziale ore 17.00)
  • 31 Gennaio (Loc. Boscofangone Nola – Mondadori c/o Cc Vulcano Buono)
  • 02 Febbraio (Bologna – Mondadori Multicenter ore 17.00)

L’album è già disponibile come pre-order su iTunes (dove potete trovare le anteprime dei brani) a questo link: https://itunes.apple.com/it/album/lasciami-entrare/id794404671

www.twitter.com/valerio_scanu   www.facebook.com/valerioscanu  www.youtube.com/valerioscanuofficial   www.instagram.com/valerio_scanu

Questo slideshow richiede JavaScript.

NB: Tengo a precisare una cosa, la mia recensione si basa su giudizi oggettivi e non “viziati” dalla mia conoscenza personale dell’artista. Se l’album non mi fosse piaciuto non lo avrei recensito…

VALERIO SCANU – SUI NOSTRI PASSI: DA OGGI DISPONIBILE

valerio scanu sui nostri pazzi itunes

 

Finalmete è arrivato in tutti i digital store Sui Nostri Passi di Valerio Scanu.

Dico finalmente perché è come se fosse un mio nipote che è finalmente stato partorito.

E come uno zio che si rispetti sono orgoglioso di quanto è bello. Tutto allo zio! :))))

Merda! Merda! Merda! Per Valerio che da oggi inizia ufficialmente una nuova Per scaricare S

Per scarcera Sui Nostri Passi su iTunes questo è il link https://itunes.apple.com/it/album/sui-nostri-passi-single/id781341797

BUONGIORNO CON… PAOLA IEZZI – SE PERDO TE / THE TIME HAS COME

paola iezzi se perdo te cover copertina

…sempre con la speranza del cuore che, oltre ai progetti solisti, Paola & Chiara tornino a formare il duo più strepitoso della scena pop italiana… vi auguro il buongiorno con la cover targata Paola di Se Perdo Te di Patty Pravo.

Molto gradevole e ben riuscita anche la versione inglese, The Time Has Come.

Una cover distante anni luce dall’originale ma allo stesso tempo non ne perde l’atmosfera dell’originale. Un’operazione riuscitissima che personalmente spero possa sfociare in un EP, perché no, di cover di grandi classici reinterpretati da Paola che  trovo in splendida forma artistica e creativa.

Qui trovate il link iTunes per acquistare Se perdo Te mentre lo potete ascoltare su Spotify cliccando il riquadro ui sotto insieme a tutti gli splendidi remix.

ASCOLTA: NUOVO SINGOLO PER FIORDALISO (She Wolf) – SPECIAL CARE (con video)

fiordaliso she wolf copertina cover special care

 

 

Che io ami Fiordaliso e la sua voce da sempre è cosa nota e soprattutto cosa trattata già qui in modo ben dettagliato.

E’ un per me un grande piacere vedere come Marina stia vivendo un periodo professionale d’oro (le sue esibizioni a Tale & Quale su Rai1 il venerdì sono decisamente le migliori di quest’anno…ma di questo ne parleremo presto…) …come è un vero piacere sentirla usare la sua grandiosa voce al massimo e al meglio.

Che lei abbia una doppia anima musicale, quella più melodica e sanremese da una parte e quella più rock/soul dall’altra, è cosa nota a chi l’ha sempre seguita specialmente se l’ha vista esibirsi dal vivo! Con questa Special Care, Fiordaliso gioca, vincendo, a fare la rocker e il bellissimo video realizzato da Luigi Pedretti rende il tutto ancor più riuscito!

Per acquistare il brano su iTunes basta cliccare qui.

 

Queste invece le info aggiuntive sul brano prese direttamente dal sito della cantante www.fiordalisoweb.it

L’unica voce europea scelta per un nuovo album dal sapore rock.

Special care di Stephen Stills, reinterpretata da SheWolf (alias Fiordaliso) con la partecipazione straordinaria di Ken Hensley – disponibile su i-Tunes e su tutti gli stores digitali – è il singolo di lancio dell’album “I grandi del rock”: fortemente voluto dal produttore Mr. White Plexi, che dalla sua passione ha dato vita a un progetto artistico che nasce con il preciso obiettivo di riproporre alcuni dei grandi classici in una chiave mai sentita prima.  La voglia di sperimentare, il bisogno di dare nuova vita al rock mondiale grazie alla partecipazione di alcuni tra i più importanti musicisti,  che hanno reso questo genere famoso in tutto il mondo, e il desiderio di declinarli attraverso sfumature diverse per creare atmosfere originali.

L’album contiene, oltre a Special care, altri celebri brani tra cui:

– Woodstock dei CSN, con Bernie Marsden (Whitesnake)
– Highball Shooter dei Deep Purple, con Doogie White (Rainbow)  e con Don Airey (Deep
Purple)
– Evil  dei  Cactus, con Carmine Appice (Vanilla Fudge, Rod Steward)
– The Stealer dei Free, con Bobby Kimball  (TOTO)
– Sabbath Bloody Sabbath dei Black Sabbath, con Doogie White (Rainbow).
– Superstition di Stevie Wonder – nella versione di Beck, Bogert and Apice – con Carmine
Appice (Vanilla Fudge, Rod Steward)  

LOLLIPOP – CIAO (RELOAD) : IL VIDEO

Lollipop-Ciao-Reload-COPERTINA

Vi piaccia o no….le Lollipo son tornate! M se qualcuno poteva essere una poracciata, Roberta, Marcella, Marta e Veronica sono invece tornate con il botto.

Il loro nuovo singolo Ciao (Reloaded) è infatti già scaricatissimo su iTunes, merito non solo del loro fedelissimo fans base ma grazie anche ad un pezzo irresistibile prodotto da Fargetta che ha fatto “il miracolo”.

Se il video poteva rischiare di essere il punto debole di questo comeback, ci troviamo invece davanti ad un prodotto ben confezionato che nulla da far invidia a molti video internazionali.

Tutto questo a dimostrazione che quando c’è voglia di fare….tutto funziona.

Le Lolliopo son tornate…e mi sa che a questo giro hanno intenzione di rimanere.

Cia-Cia- Ciao.

Ciao (Reloaded) è disponibile su iTunes qui

Ecco il testo di CIAO (RELOADED)

Tonight we feel high we’re out of control
long life, champagne back in town for the show
we ride a fast lane it’s up …
dancing and shaking the world

We want a direction, we’re ready to flow
a brand new dimension, the party’s begun
we’ve crossed the line ‘cause we can’t get enough
the party is ready to roll

ciao ciao ciao
tonight we’re gonna burn the floor
ciao ciao ciao
hey, Mr Dj pump it up
ciao ciao ciao
let’s get this party started
because our bodies need to get it on
and reload, reload

Tonight we’ll fly high like we rule the world
Wide eyes on you guys We’re gonna be yours
Can’t hide the delight We’re ready to explore
Until like never before

New hits on the carpet our bricks on the wall
We live for the moment we came here for more
We’ve crossed the line ’cause we can’t get enough
My lady it’s ready to roll

ciao ciao ciao
tonight we’re gonna burn the floor
ciao ciao ciao
hey, Mr Dj pump it up
ciao ciao ciao
let’s get this party started
because our bodies need to get it on
and reload, reload

Gonna leave the world behind for a new sensation
In another state of mind with no destination
(uhhhuuu) You’ll shine like star in the sky
We’ll make all our dreams come alive
And you’ll burning on floor on a drop

ciao ciao ciao
tonight we’re gonna burn the floor
ciao ciao ciao
hey, Mr Dj pump it up
ciao ciao ciao
let’s get this party started
because our bodies need to get it on
and reload, reload

PAOLA & CHIARA – GIUNGLA: RECENSIONE BRANO PER BRANO

paola e chiara giungla cd cover

Da buon fan di Paola & Chiara, sapere che da mezzanotte il loro nuovo album Giungla era disponibile in anteprima su Spotify è come dire a un bambino di andare in una fabbrica di cioccolata e mangiare fino a scoppiare la nuova barretta Kinder disponibile solo dalla settimana successiva. Lo so… simbologia improbabile…ma dovete capirmi, sono quasi le 2 del mattino e non so neanche come faccio ad avere le forze di scrivere…

Dopo un paio di ascolti Giungla risulta essere un solido album pieno di freschezza e di sentimento. Ha tutto quello che ti aspetti da un album di Paola & Chiara ma ha anche tutto quello che vorresti dalla musica pop.

Proprio oggi, dopo uno sfogo di ieri di Chiara su facebook, le voci che questo possa essere il loro ultimo album si fanno sempre più insistenti. Capisco la loro frustrazione… ma, se può servire a qualcosa, la mia esperienza personale mi insegna che, alla fine, l0importante è essere capiti da chi da se stessi e da chi ci sta intorno. Gli altri, uno ad uno, di conquisteranno…

Tornando alla musica…ecco cosa le mie orecchie hanno sentito:

TRACKLIST

1. Divertiamoci (perché c’è feeling) – feat. Razza Krasta; Del singolo di lancio ne ho già parlato quiVoto: 8

2. Tu sei l’anno che verrà: pezzo dance che spacca. E come da tradizione Paola&chiarana, quando la musica pompa…il testo è una poesia. Voto: 10

3 / 15 .Tu devi essere pazzo – feat. Moreno: il tanto atteso duetto con Moreno (traccia 3), fresco vincitore di Amici 13. Una ballata dal respiro r’n’b…Moreno ci sta come il cacio sui maccheroni. Una canzone che ti fa “perdere” nei pensieri e nelle parole. Bella veramente. Voto: 10

4. Non c’è me senza te: Una canzone pop. Una vera canzone pop…come se ne facevano solo un tempo. Bellissima, non sfigurerebbe nell’ultimo album dei Daft Punk. Voto: 10

5. E se per caso: Si sa, alle sorelle Iezzi le ballate vengono proprio bene. E questa non fa eccezione. Voto: 9

6. Ma tu non puoi (più chiamarla felicità): avete presente quelle canzoni che al primo ascolto ti colpiscono ma non sono le tue preferite…ma poi ascoltando ascoltando diventano una droga? Ecco. La traccia numero 6 crea dipendenza. Voto: 9

7. Stai dove sei: Di questo brano se ne è già parlato tanto dopo la loro esibizione a I Migliori Anni. Canzone veramente stupenda. Come sia arrivata ad essere stupenda al sottoscritto poco importa. Meraviglia delle meraviglie. Voto: 10

8. Non piangere per me: Per il sottoscritto la canzone più bella dell’album. Pop struggente allo stato puro…quelle canzoni che in discoteca dalli da solo… Voto: 10

9. Non sei più tu: Ci sono canzoni che hanno la prola “singolo” scritto addosso e ci sono canzoni, come queste, che sono bei anelli di congiunzioni. Voto: 8

10. Ultime gocce d’estate: L’intro più bello che io abbia sentito quest’anno in una canzone. Perfetto singolo di..fine estate! Voto: 9

11. Che mi importa di te (California King Bed): Già nel loro album precedente, MIlleluci, le sorelle Iezzi avevano inserito una versione italiana di Russian Roulette di Rihanna. Non se necessitavo di un bis. Boh.. onestamente pezzo intuite. Voto: 6

12. La voce dentro me: Una canzone fuori dal coro…che ti catapulta con la testa in un piano bar degli anni 60… Bella, di classe, raffinata… Voto: 8

13. Divertiamoci (perché c’è feeling) nico romano RMX: Riuscire a fare una versione truzza di questa canzone era difficile…ma fortunatamente ci sono riusciti! Yay! Voto: 8

14. 把心放开 ba xin fang kai (a modo mio chinese version): A D O R O O O (rigorosamente letto con voce sfrantissima). Voto: 10

Di seguito Giungla (VOTO 9 )su Spotify

IMMANUEL CASTO – TROPICANAL: IL VIDEO

6316_10151637773284933_400240163_n

 

UPDATE: INTERVISTA ESCLUSIVA A IMMANUEL CASTO QUI

Finalmente!!! Dopo tanto attendere ecco a voi il video di Tropicanal di Immanuel Casto e come promesso è una sorta di tributo a Wicked Game di Chris Isak.

Amo questo uomo. E amo la sua faccia a 3:23! ahahaha

Tropicanal è disponibile su iTunen cliccando qui

X FACTOR 6. DONATELLA – FOOLED AGAIN: RECENSIONE INEDITO

donatella fooled again cover inedito

Che io abbia sostenuto e apprezzato le Donatella durante X Factor è un cosa, per chi legge regolarmente il mio blog, risaputa. Per loro rappresentavano il pop nel suo stato e nella sua definizione in purezza.

Se lavorare per due edizioni di X Factor inglese a stretto contatto con Simon Cowell mi hanno insegnato anche solo una cosa, quella cosa è cosa intende lui (il creatore del format ndr) per fattore x: qualcuno dal quale non riesci a togliere gli occhi di dosso nonostante sulla carta non sia il migliore. Ma è quel qualcosa di ipnotico che li rende speciali. E le Donatella avevano decisamente quel qualcosa. Ed + per questo che credo fortemente nel fatto che siano uscite troppo presto da X Factor 6.

Detto ciò mi fa molto piacere apprendere che il progetto Donatella continua con un brano in inglese (anche se non è quello scritto da Kylie Minogue di cui Arisa parlava la sera che sono uscite…). Il singolo di chiama Fooled Again:

Il brano è un synth-pop molto in stile anni 80 che si addice con precisione imbarazzante a quello che è il filone vintage internazionale proveniente sia dall’Inghilterra ma soprattutto dai paesi scandinavi, Ad essere onesto mi aspettavo un poppettone più bang-bang-boom-bang…e forse per questo al primo ascolto non ne ero rimasto molto impresso. Una volta consapevole di cosa sarei andato ad ascoltare il brano mi sembra funzionare tanto…ma tanto…forse anche troppo: è infatti un’ora che lo ascolto a ripetizione.

Buona fortuna Donatella. Qui avete un sostenitore sul quale potete sempre contare. ;)

Potete scaricare Fooled Again su iTunes cliccando qui.

STEFANIA ORLANDO – VITA BASTARDA: IL VIDEO

vita bastarda stefania orlando copertina singolo itunes

 

Qualche giorno fa ne avevamo parlato in anteprima qui, oggi finalmente è uscito il video di Vita Bastarda della poliedrica Stefania Orlando che tanto ce piace!

Come già accennato, questo brano fa parte del suo filone autunnale…nel senso che d’autunno le sue uscite discografiche sembrano focalizzarsi sul sociale, mentre d’estate sono decisamente più leggere (come è giusto che sia)!!!

Stefania qui ci parla di donne e della loro debolezza più grande: l’amore. Infatti “in nome dell’amore” molte, troppe donne spesso giustificano violenze fisiche e mentali, sottomissioni etc et etc etc

Non è MAI troppo tardi per dire basta e liberarsi da questo cappio che ti soffoca e tiene legata…

Schermata 2012-12-03 a 16.27.58

 

Potete acquistare Vita Bastarda su iTunes cliccando qui.

VIOLA VALENTINO – PANNA, FRAGOLE E CIPOLLE (iTunes version): RECENSIONE BRANO PER BRANO

Dopo il successo del singolo Stronza, Viola Valentino torna con un nuovo EP –Panna, Fragole e Cipolle – a quasi due anni di distanza dal suo precedente (e bellissimo) album di inediti Alleati Non Ovvi.

Ormai abbandonati i toni sussurrati che la resero famosa negli anni 80, sono anni che, tirata fuori la voce, Viola Valentino sembra aver tirato fuori grinta e le unghie. I pezzi di questi ultimi lavori sono pieni di anima e fuoco. Affidatasi nuovamente alle mani di Giovanni Germanelli e Francesco Mignogna, Viola Valentino continua con Panna Fragole e Cipolle il suo percorso convincente di una nuova fase professionale.

Stronza: Il singolo di lancio. Una canzone forte, ben riuscita dove la stronza raccontata è in realtà ognuno di noi quando ci troviamo intrappolati in una storia che non vogliamo farci uscire dalla testa. Bel testo, bella carica. Bellissima canzone a cui, sebbene molto recente, sono già  molto affezionato.

Ancora un’oraUna bella canzone italiana.

C’est la vie: tra gli autori di questo brano troviamo Scialpi (o Shialpy, come vuole essere chiamato lui in questi giorni). Un duetto con Francesco Mignogna che sarebbe stato perfetto per Sanremo…o il Festivalbar. E, in termini discoigoreschi, è un gran bel complimento.

L’occidentale del Kashmir: Nonostante sia fresco e ben confezionato, volendo anche radiofonico,  è il brano meno coinvolgente. Forse necessita di più ascolti per rendere al massimo. Comunque un ottimo brano da album.

L’unica donna: Il nuovo singolo. Meno immediato di Stronza, ma ugualmente incazzato.  A più ascolti diventa una dipendenza musicale. Il clip qui sotto non rende, per capirla bisogna “spendere” 99 centesimi. Io vi consiglio di farlo ;)

Ahimè: Il brano, secondo il mio gusto, più bello dell’intero EP. Ricorda un po’ Patty Pravo quando è in forma. Molto, molto bella.

Via Toledo: L’unico brano a non portare la firma Germanelli-Mignogna. Immaginatevi una canzone italiana con delle influenze r’n’b anni 90 con menzionato “un tacco 12″… una canzone che a prima ascolto risulta poco empatica…ma, come spesso succede, alla fine è tra quelle che ti porti per molto tempo dietro…

Nel totale un lavoro di pura musica italiana veramente ben riuscito.

Potete scaricare Panna, Fragole e Cipolle su iTunes cliccando qui.

ps man mano che compariranno i brani su youtube prometto di aggiornare la recensione…ma spero che per allora lo abbiate già acquistato ;)