Archivi tag: Loredana Bertè

PERCHE’ SANREMO E’ SANREMO : SANREMO 2016 PAGELLA SERATA FINALE

Sanremo_2016 logo ufficiale

Dopo la serata di ieri avevo un po’ timore di questa finale del 66imo Festival Di Sanremo. Fortunatamente per noi questa è stata tutta un’altra storia e la finalissima è stata più che godibile.

Questo ultimo resoconto vorrei che avesse un aspetto leggermente differente nella stesura, infatti oltre alle usuali pagelle in alcuni momenti mi prenderò la libertà di fare anche una sorta di commento generale e non esclusivo a questa ultima performance. Del resto è il mio blog. Non credo che nessuno verrà a dirmi che ho sbagliato la linea editoriale. (a parte gli spiritosi. PAPESSA PARLO A TE!).

Il festival inizia con la performance del vincitore delle nuove proposte Francesco Gabbani e la sua super radiofonica Amen

Schermata 2016-02-14 alle 15.22.33

 

La gara parte  con la fase ripescaggio. Tra i cantanti in gara c’erano: Zero Assoluto, Irene Fornaciari, Dear Jack, Bluvertigo e Neffa,  Sapete chi passa? Cioè…chi ha avuto la maggioranza dei televoti?!

irene fucking fornaciari

Irene Fornaciari. IRENE FORNACIARI.

Ora, volete dirmi che i Dear Jack hanno perso un televoto contro Irene Fornaciari?! (oddio…lo hanno perso contro Deborah Iurato a pensarci bene…). Chi mi ha seguito in questi giorni tramite il blog o tramite twitter saprà bene che non sono stato tanto un fan di Irene Fornaciari (per usare un eufemismo). Ma non tanto per lei che mi sembra anche simpatica e piena di ironia quando parla ma la mia frustrazione sta nel fatto che stia tra i big – per la quarta volta- solo perché si chiama Formaciari. E non venite a dirmi di no. Ora io dico andate a leggere la sua pagina Wikipedia e fatevi un’idea di quello che dico (in particolare modo la parte relativa alle annate 2009/2010).

Fortunatamente per la mia pressione mi hanno subito distratto con questo:

Roberto Bolle (voto 10) che balla We Will Rock You. Vabbè…che je voi dì?! Talmente bello e bravo da non sembrare neanche possibile tanta perfezione.

Bolle successivamente torna sul palco per sfoggiare un nuovo talento: il senso dell’umorismo. Infatti, complice una splendida Virgina Raffaele (voto 9)  nei panni di se stessa, l’etoile si presta allegramente anche a ballare insieme alla comica La Notte Vola di Lorella Cuccarini.  Geniale e divertentissimo.

Visto che l’abbaio già accennata usiamola com e gancio. Virginia Raffaele ieri si è presentata al pubblico senza maschere , regalandoci comunque nuovi momenti di comicità e talento. Ma abbiamo anche scoperto che dietro i suoi personaggi c’è anche una ragazza timida che esclama a Carlo Conti  “scusa non sono abituata a fare me stessa” In un raro momento di goffaggine.  Virginia Raffaele: la vera vincitrice di questo #sanremo2016.

Ma come sappiamo non c’era solo lei ad affiancare un instancabile Carlo Conti (voto 8), ma c’erano anche Madalina Ghenea (voto 6) bellissima ma forse troppo sensibile e in in punta di piedi, sempre quasi un po’ frenata. Sarebbe stato bello, visto le interviste extra Sanremo, vederla capace di ridere e scherzare. Comunque con una carriera già avviata come la sua credo che questo palco le sia servito solo come grande vetrina. At least but not last abbiamo Gabriel Garko (voto 7). Oh Gabriel! Non posso che volerti bene. Sei stato una perfetta frana ai livelli dei “figli di”. Hai letto una poesia impappinandoti, hai ammazzato il mood creato dagli stadio con la tua gag della farfallina, sei passato davanti a Conti mentre si congedava dal Festival 2016, ti hanno massacrato, ne hai riso, ci hai fatto ridere. Comunque, nel bene e nel male, sei stato la perla trash di questo Sanremo…e per questo spero che tu esca fuori dal tuo isolamento e ti congeda più spesso (magari alla Gialappa’s) e non solo alla Toffanin. E un pensiero speciale alla tua fidanzata. La ho nel cuore, sappilo.

la  farfalla d garko

Ma prima di passare ai nostri big voglio fare un’ultima carrellata sugli ospiti della finale. Quella che sembrava una normale ospita atra amici si è svelata essere una grandissima marchetta: infatti ospiti di Carlo Conti sul palco dell’Ariston ci sono stati i suoi “amici di una vita Leonardo Pieraccioni e Giorgio Panariello (voto 7) che partendo un po’ in sordina hanno avuto “parole gentili” per tutti confermando a fine gag la reunion dei tre toscani il 5 settembre (se non erro) all’Arena di Verona (con probabile ripresa televisiva). Io ho solo immaginato come Aldo, Giovanni e Giacomo si siano sentiti nel vedere tutto ciò.

Ci sono stati poi ben DUE superospiti italiani che non potevano essere così perfetti come opposti: Renato Zero e Cristina D’Avena.

Ora voi sapete bene che penso dei superospiti italiani ma nel caso non aveste letto le pagelle delle altre serate possiamo rinchiudere il mio pensiero in una frase: Vuoi presentare il tuo nuovo lavoro sul palco dell’Ariston? Bene…gareggi!

Questo non vuol dire che io non mi sia goduto i grandi della musica italiana ma credo semplicemente che un po’ di sana competizione renda la vita anche più stimolante (cit Patty Pravo a cui comunque era stato chiedere di andare come ospite…).

Però io mi sento di fare una distinzione tra i due ospiti. Cristina D’avena, arrivata comunque sul palco dell’Ariston grazie a una petizione partita online, la inserisco in una categoria a parte, un po’ come ho fatto con Ezio Bosso. E’ un mondo a se… una situazione a se. Non ha mai cantato una canzone inedita che non sia stata una sigla televisiva (fatta eccezione del Valzer Del Moscerino)  e infatti la sua ospitata è stata più un juke box d’infanzia che sicuramente ha fatto impazzire chi era a casa ma ha lascito perplesso molte mummie in sala che, snob, non si rendono conto di cosa è il mondo #arrivacristina. Si lo so, alcuni  di voi già staranno pensando che ho figli e figliastri… ma forse sono gli stesi che non seguono il mio discorso. E se comunque la regola fosse niente superospiti italiani se non in gara io rinuncerei alla D’avena (che tanto vado a vedere regolarmente in concerto) e Ezio Bosse e cercherei di portare tutti in gara.

Ma Cristina D’avena (voto 9) è, a mio avviso, il simbolo di questo #SanremoArcobaleno: una realtà che esiste, che viene spesso guardata storta dai bigotti benpensanti che pensano subito a giudicare la libertà di espressione e di emozione altrui cercando sempre di omologare tutto con etichette e con cupezza.

Sicuramente la mia anima rainbow si è sentita ben rappresentata da Cristina D’avena. #SanremoArcobaleno rappresenta solo quello che in tanti vorremmo e cioè un’ #ItaliaArcobaleno. E lei ne è una perfetta madrina.

Schermata 2016-02-14 alle 15.24.54

Ma per un personaggio simbolo del rainbow che trovi…ne hai uno che perdi. Nel vero senso della parola. Renato Zero (voto 5) un tempo vero e proprio emblema di libertà di espressione personale e creativa,  di colore, di emancipazione e tutto quello che ci ricordiamo di lui,  si distingue purtroppo da un total black che incute quasi tristezza.

renato zero

Sicuramente rivivere i suoi grandi successi è sempre un emozione musicale… ma i suoi monologhi senza capo ne coda che cercano di spiegare punti di vista  discutibili (almeno a detta di chi scrive) e presentare un debolissimo nuovo pezzo da un nuovo album di cui neanche si ricordava la data di uscita si è rivelato essere a mio avvito un boomerang. C’è una parte di me che spera sempre di essere sorpreso nuovamente da Zero perché, come molti italiani, ha segnato la mia infanzia, la mia gioventù e mi ha dato coraggio durante la mia crescita nel cercare di diventare anche chi sono oggi.

Cambiamo registro e torniamo a parlare di cose serie: la gara di canzonette.

Francesca Michelin – Nessun Grado di separazione.  Voto: 9

francesca michielin

Look evoluto di 15 anni in tre giorni. Canzone stabilitasi nel mio bipolarismo nella parte migliore. Canzone stupenda.Personalmente sono contento di vedere che la Franceschina di X factor non ha avuto fretta di crescere .Ha preso il su tempo, si è fatta la sua gavetta.E finalmente non è più “quella dei duetti con Fedez”.

Alessio Bernabei – Noi Siamo Infinito.  voto: 7

alessio berbabei

La canzone è orecchiabilissima (ma di questo ne abbiamo già parlato) e alla radio la sentiremo tanto. Ovviamente ha vinto la battaglia contro i Dear Jack.E’ anche estremamente belloccio. Spero che in futuro gli diano canzoni un po’ più originai per vedere veramente di che pasta è fatto.

Clementino- Quando sono lontano. Voto: 4

clementino

Niente è proprio brutta sta canzone. Ad ogni ascolto. Me ne farò una ragione. Lui comunque è molto simpatico. Non ho altro da aggiungere.

Patty Pravo – Cieli Immensi. Voto: 10

patty pravo nude look

“Ciao mi chiamo Patty Pravo e sono ancora talmente divina da poter stare sul palco di  nuda ed essere bellissima. Ah…ho anche una canzone bellissima da cantare. Voi invece chi siete?” Non lo ha detto…ma va da se… e poi con un video messaggio d’auguri come quello della Bertè….come non si fai non amare tutto ciò?

Lorenzo Fragola – Infinite Volte. Voto 5.

lorenzo fragola

…il problema è che The Reason Why rimane ancora imbattuta. Ha 20 anni, scrive da solo le sue canzoni. Con un po’ di fiducia ce ne regalerà di migliori.

Noemi – La borsa di una donna. Voto: 9

noemi

Finalmente  questa sera ha cantato come sa fare e come da tempo non la sentivo fare. La canzone è bellissima (e anche l’album). Un nuovo tassello per una carriera musicalmente bella.

 

Elio e le Storie Tese – Vincere l’odio: voto 8

In versione Kiss. Geniali. Fuori concorso. Rock’n’roll. Anche se la canzone, finita l’euforia della sorpresa, non credo che andrò mai ad ascoltarmela volontariamente.

Arisa . Guardando il cielo. Voto: 8

Schermata 2016-02-14 alle 15.25.31

Arisa è la Mariah Carey e non me ne ero mai accorto. Voce da usignolo, carattere da vera Diva che non ha paura di essere se sessa. La canzone è bella…ma paga lo scotto di non essere bella come le sue solite. Arisa ci ha abituato troppo bene fino ad ora. Ma una vera Diva è per sempre.

Stadio – Un Giorno mi dirai Voto 8 (anche e soprattutto alla carriera)

stadio

Copio e incollo gli appunti durante la finale: Capisco che possa fare presa e probabilmente se vinceranno (questa è live blogging non online) lo meriteranno. Ma non parla a me. Comunque emozionanti.

 

Annalisa- Il Diluvio Universale. Voto: 7

annalisa

Lei figa, canzone un po’ moscetta ma la parte alla  Sei bellissima la rende comunque emozionante durante l’ascolto. Spero sempre di poterla sentire un giorno con una grande canzone

Dolcenera.  Ora o mai più. Voto: 4

dolcenera

Lei bella. le sue ultime produzioni discografiche mi piacciono.. ma sta canonenon ho potuto far altro che nominarla per l’hashtag #lattealleginocchia sponsorizzata da Carrefour Italia

 

Giovanni Caccamo e Deborah  Iurato- Via da qui. Voto:  5

caccamo iurato

Il mio problema con questa canzone è che… poniamo caso che qualcuno si fosse risvegliato proprio durante la loro performance  da un coma iniziato dal 1994 penserebbe che poi non deve essere passato troppo tempo. Personalmente loro ancora devo fare qualcosa di veramente grande per essere considerati big. La Iurato però, nonostante l’esperienza sanremese che deve essere stata veramente stressante, la trovo sempre allegra e pronta alla battuta.

Enrico Ruggeri – Il primo amore non si scorda mai. Voto: 10

Schermata 2016-02-14 alle 15.26.38

La mia personalissima preferita di questo Sanremo 2016. Rock ma con una strizzata d’odio al sintetico anni 80. Racchiude tutta la sua musica in una canzone. Grande. E’ tornato il Rugger che amo.

Valerio Scanu – Finalmente Piove. Voto: 8

Valerio ha una voce bellissima che questa sera ha saputo usare n modo impeccabile. La canzone cresce ad ogni ascolto. E’ bello vederlo crescere musicalmente.

Irene Fornaciari – Blu Voto: 4

irene fornaciari

Che pesantezza. Seguita poi da un monologo di Beppe Fiorello che alle 00:45 non è esattamente facile da accollassi come doppietta.

ma ora…. ZA-ZA-ZA-ZAN! Arriva la classifica!!!!

 

  • 16 irene Fornaciari (non esattamente una sorpresa)
  • 15 Dolcenera (niente di personale, eh!)
  • 14 Alessio Bernabei (ouch)
  • 13 Valerio Scanu (puro shock. io me lo aspettavo almeno nel podio)
  • 12 Elio (ci sta)
  • 11 Annalisa (…attendiamo la grande canzone)
  • 10 Arisa (l’importante è partecipare)
  • 9 Rocco Hunt (vincerà con le radio)
  • 8 Noemi (acque ui…mi aspettavo un podio)
  • 7 Clementino (ma che davero davero?!)
  • 6 Patty Pravo (non male considerando l’ultima volta…ma…)
  • 5 Lorenzo Fragola (ad ogni generazione i  proprio idoli)
  • 4 Enrico Ruggeri (ad un passo dal podio. Che rosicata!)
  • 3 Caccamo /Iurato (perplessità d tutti)
  • 2 Francesca Michielin (la prima a non crederci)

E VINCONO…

  • 1 Stadio (non i favoriti alla vigilia…ma sicuramente i favoriti giorno per giorno)

stadio vincitori

 

Altri premi:

Miglior Testo Sergio Bardotti:  Amen

Premio Giancarlo Begazzi:  Stadio

Premio sala stampa Lucio Dalla: Stadio

Premio Critica Mia Martini: Patty Pravo

 

E anche quest’anno il carrozzone è finito.  Gli Stadio dovrebbero partecipare all’Eurovision per rappresentare l’Italia (ma ancora non si sa se hanno accettato o meno l’invito). Staremo a vedere. nel frattempo Conti è stato CONFERMATO come prevedibile per l’edizione 2017. Ci vedremo allora. Perché Sanremo è Sanremo.

Voto a questa ultima serata: 8

Voto all’edizione 2016: 7

 

 

 

ASCOLTA: NUOVO SINGOLO PER FIORDALISO (She Wolf) – SPECIAL CARE (con video)

fiordaliso she wolf copertina cover special care

 

 

Che io ami Fiordaliso e la sua voce da sempre è cosa nota e soprattutto cosa trattata già qui in modo ben dettagliato.

E’ un per me un grande piacere vedere come Marina stia vivendo un periodo professionale d’oro (le sue esibizioni a Tale & Quale su Rai1 il venerdì sono decisamente le migliori di quest’anno…ma di questo ne parleremo presto…) …come è un vero piacere sentirla usare la sua grandiosa voce al massimo e al meglio.

Che lei abbia una doppia anima musicale, quella più melodica e sanremese da una parte e quella più rock/soul dall’altra, è cosa nota a chi l’ha sempre seguita specialmente se l’ha vista esibirsi dal vivo! Con questa Special Care, Fiordaliso gioca, vincendo, a fare la rocker e il bellissimo video realizzato da Luigi Pedretti rende il tutto ancor più riuscito!

Per acquistare il brano su iTunes basta cliccare qui.

 

Queste invece le info aggiuntive sul brano prese direttamente dal sito della cantante www.fiordalisoweb.it

L’unica voce europea scelta per un nuovo album dal sapore rock.

Special care di Stephen Stills, reinterpretata da SheWolf (alias Fiordaliso) con la partecipazione straordinaria di Ken Hensley – disponibile su i-Tunes e su tutti gli stores digitali – è il singolo di lancio dell’album “I grandi del rock”: fortemente voluto dal produttore Mr. White Plexi, che dalla sua passione ha dato vita a un progetto artistico che nasce con il preciso obiettivo di riproporre alcuni dei grandi classici in una chiave mai sentita prima.  La voglia di sperimentare, il bisogno di dare nuova vita al rock mondiale grazie alla partecipazione di alcuni tra i più importanti musicisti,  che hanno reso questo genere famoso in tutto il mondo, e il desiderio di declinarli attraverso sfumature diverse per creare atmosfere originali.

L’album contiene, oltre a Special care, altri celebri brani tra cui:

– Woodstock dei CSN, con Bernie Marsden (Whitesnake)
– Highball Shooter dei Deep Purple, con Doogie White (Rainbow)  e con Don Airey (Deep
Purple)
– Evil  dei  Cactus, con Carmine Appice (Vanilla Fudge, Rod Steward)
– The Stealer dei Free, con Bobby Kimball  (TOTO)
– Sabbath Bloody Sabbath dei Black Sabbath, con Doogie White (Rainbow).
– Superstition di Stevie Wonder – nella versione di Beck, Bogert and Apice – con Carmine
Appice (Vanilla Fudge, Rod Steward)  

FESTIVAL DI SANREMO 2012. QUARTA SERATA: SANREMO TORNA SANREMO

 

Si parte con Simona Atzori, ballerina senza braccia. Intensa.E fa riflettere.

Si esibisce su una versione in violino di Smells Like Teen Spirit (Nirvana) di David Shire (violinista tedesco belloccio).

 

Siparietto Rocco Papaleo e Morandi semi politico…la solita cosa.

 

Noemi & Gaetano Curreri – Sono Solo Parole

Iniziamo con la canzone che mi ha fatto piangere sull’autobus due giorni fa. Ebbene si, signori e signore da casa, questa canzone mi ha fatto crollare in pubblico. E non riuscivo a spegnere. Dovevo piangere. Se la canzone di Arisa, come ho già dichiarato, è una carezza notturna…questa è un pugno nello stomaco diurno.

Questa versione in duetto, sebbene con delle incertezze vocali di entrambi, è bella e intensa.

E Noemi finalmente ha bei capelli.

Voto Canzone: 10

Voto interpretazione: 8

Voto look: 8 lei 3 lui

 

Pierdavide Carone e Luicio Dalla & Gianluca Grignani – Nanì

Certo che invitare Grignani a cantare dal vivo per risollevare le sorti di una già debole e zoppicante canzone….

Voto Canzone: 5

Voto interpretazione: 5

Voto look: 5

 

Dolcenera & Max Gazzè – Ci Vediamo A Casa

Questa canzone inizia proprio a piacermi. Il mio orecchio del primo ascolto non sbaglia mai. Un po’ come le mie prime impressioni che non si smentiscono mai.

Questo duetto non toglie e non aggiunge niente alla canzone.

Ma rafforza il mio giudizio più che positivo.

Voto Canzone: 8

Voto interpretazione: 7

Voto look: 8 (Dolcenera dovrebbe vestirsi sempre da donna. Lo è).

 

Entra Ivana. Tutte vestita. Quindi ufficialmente inutile.

 

Gigi D’Agostino e Loredana Bertè & Fargetta – Respirare remiz

Lo aspettavo con ansia. Momento truzzissimo. Ballerini, possibile playback. Gigi vestito da giovanile Village People. Labbra di Lory al limite della gravità. Versione immensa. Finalmente uno scossone nel nome del trash ai ritmi e le finte solennità di questo Sanremo 2012.

Voto Canzone: 10 (ebbene si!)

Voto interpretazione: 10

Voto look: 10

Ok. Ho esagerato…ma sono completamente in tema con la loro esibizione: completamente e kitchemente improponibile!

Rivediamocela:

 

Chiara Civello & Francesca Michelin – quella canzone inutle scritta anni fa per uno di X Factor

Inutile. Neanche il vestito alla Merylin della Michelin risolleva questa canzone mediocre.

Voto Canzone: 3

Voto interpretazione: 5

Voto look: 8

 

Sabrina Ferilli e i suoi zigomi vi salutano dalle scale. Cantano tutti e quattro. Lei, gli zigomi e Morandi. Poi chiacchere bla bla bla Pippo Baudo bla bla bla cinepanettoni bla bla bla tette bla bla bla

 

Samuele Bersani & Paolo Rossi

Questa versione dovrebbe aggiungere impegno. Per me rimane una grande palla=pallone

Voto Canzone: 5

Voto interpretazione: 5

Voto look: 7 a Bersani 2 a Rossi vestito da barbone

 

Mio padre dice che non c’è ritmo. Morandi e a disagio. E va a dormire.

 

Eugenio Finardi & Peppe Servillo e Piccolo Ensemble Futuro del Conservatorio di Milano – e tu lo chiami Dio

Finalmente in questa versione la canzone acquista spessore emotivo. Anche se alla fine, non è nulla di nuovo.

Voto Canzone: 6

Voto interpretazione: 8

Voto look: 6

 

Nina Zilli & Giuliano Palma e Fabrizio Bosso – Per Sempre

Ci provo e riprovo. Anche oggi ascoltavo la radio ci ho provato. E ci provo ora con Giuliano palma….ma a me questa canzone non lascia nulla. Ma nulla. Poi inizio a non sopportare, nonostante la sua indubbia bellezza, questo suo sentirsi tra Mina e Amy Winehouse…

Voto Canzone: 4

Voto interpretazione: 6

Voto look: 8

 

Arisa & Mauro Ermanno Giovanardi & e il violino del maestro di cui non ricordo il nome.

Una carezza notturna durante un pianto solitario. Perfezione.

Voto Canzone: 10

Voto interpretazione: 10

Voto look: 8

 

Alessandro Siani. Vabbuò iah…vado a fumarmi una sigaretta, vah…

Torno, fa battute…poi si fa serio e parla dell’unità d’Italia dicendo una cosa bella:

“Per me L’Italia è come il mare. Indivisibile”.

Ivana salutandolo dice che non ha capito niente. Brava. Continua a dimostrare inutilità.

 

Emma Marrone & Alessandra Amoroso – Non è L’Inferno

Nulla…non je la posso fa manco a famme piacè sta canzone. Nonostante ci provi. Amen…me ne farò una ragione…

Voto Canzone: 4

Voto interpretazione: 8

Voto look: 8 (molto belle entrambe)

 

Matia Bazar & Platinette – Sei Tu

Matia Bazar e Platinette…la risposta italiana a Eminem e Dido. Bella. Intensa. Recitata. Cantata. Spoglia. Senza trucchi e senza trucco. Anzi, un trucco leggero. Delicata. Anche questo è Platinette. E questi sono i soliti grandi Matia Bazar.

Voto Canzone: 9

Voto interpretazione: 10

Voto look: 8

 

Platinette chiude dicendo, in risposta a I Soliti Idioti (e Morandi) “amo gli etero”. Morandi replica “e io amo gli omosessuali”. Perdendo un’altra buona occasione per stare zitto.

 

Francesco Renga & Scala & Kolacny Brothers – La Tua Bellezza

Ina versione orchestrale quasi inutile…ma lui quanto è bono? QUANTO?

Voto Canzone: 6

Voto interpretazione: 7

Voto look: 10

 

A questo punto forse ho deciso la mia top 3:

1) Arisa 2) Noemi 3) Matia Bazar ex equo con Loredana Bertè e Gigi D’Alessio

 

Arrivano, direttamente da X Factor UK 2010, i One Direction. decisamente non sono più una ragazzina con gli ormoni in subbuglio…

Noi avevamo I Duran Duran…fate voi.

 

Momento giovani.

 

Casillo ha cantato bene. E si è messo a piangere alla fine. Porello. Ha 16 anni, direbbe mio padre.

 

I Iohosemprevoglia non li tollero.

 

Marco Guazzone. Lui bello e bravo. E la canzone mi piace. Dovrebbe vincere. Ma non lo farà.

 

Erica Mou. Non la tollero. Fate voi.

 

Momento marketta Ballado Con Le Stelle. Lady Tata (bona come non mai) sul palco… con lei Vieri e un altro calcatore che ignoro (scusatemi).

Poi salgono sul palco Paolo Belli e La Signora Carlucci e il suo tupè.

Mega marketta. Noia.

 

Da Io Canto con furore vince Casillo.

Il premio della critica invece va alla spocchiosa Mou.

 

Dalla finale escono Chiara Civello e i Matia Bazar! I MATIA BAZAR!!! …ho paura che la vagina gigante della prima serata abbia vinto contro la Mezzanotte. Ma anche questo è Sanremo.

 

Concludo con l’annuncio ufficiale dato da Morandi…che Celentano tornerà domani. Preferivo I Matia Bazar!

 

A domani…e stiamo UNITI!

FESTIVAL DI SANREMO. TERZA PUNTATA: MA SANREMO NON ERA SANREMO?

 

Ammetto che scrivere questo blog non è e non è stato facile. L’ho iniziato almeno tre volte. Il primo approccio era di fare una telecronaca come per le prime de serate. Ad un paio di esibizioni mi sembrava ovvio che questo non sarebbe successo. La piega della serat non era delle più coinvolgenti. Man mano che i duetti andavano avanti i miei appunti andavano diradandosi sempre più e i miei tweet andavano ad aumentare con frasi di sconforto e amarezza. Ad un certo punto avevo deciso che il mio blog sarebbe stato della lunghezza massima di 140 caratteri, la lunghezza massima di un tweet, questo:

 

A me oscuri utilità e fine di questa orrendo spettacolo.

 

Poi ho deciso che magari due righe in più non avrebbero fatto male. Forse è stata l’apparizione di Patti (con la i) Smith o forse il vestito da bambina horror della Bertè. Fatto sta che sono qui a scrivere.

Questa terza puntata è stata veramente l’essenza di questo festival: prossimazione e luoghi comuni.

I duetti spesso e volentieri fuori luogo (Macy Gray assolutamente sopravvalutata e fuori luogo in quello che sarebbe potuto essere uno straordinario omaggio alla Bertè). Una leggenda come Brian May che si ritrova a cantare con Irene Fornaciari. La standing ovation a Patti Smith e la sua bellissima Because The Night che viene rovinata da ciò che l’ha seguita: la canzone sulla Foca cantata da Pappaleo. E poi la gara. Che fine ha fatto la gara?

C’era una volta il Festival della Canzone Italiana.

Oggi cosa abbiamo? Ben CINQUE serate per 14 misere (e mediocri nella maggior parte) canzoni. Che spesso passano in secondo piano. Nella terza serata addirittura non vengono accennate se non per le quattro che dovrebbero che si contengono i due posti del ripescaggio. E a che ora inizia la gara? Alle 00:45. In questo momento sono le 01:18 e ancora non accennano a dirci chi passa il turno.

Che fine ha fatto il Festival Di Sanremo? Eppure l’anno scorso sembrava essere tornato ai suoi massimi splendori. Quest’anno è un insulto a tutti quegli sfigati che, come me, aspettano 360 giorni per questo grande evento.

Poi un appunto: bella si l’idea di riportare i duetti con le star internazionali…ma il bello degli anni passati di questa operazione era che cantavano altre versioni delle CANZONI IN GARA!!!

Se vogliamo fare una sera per celebrate l’Italia…possiamo sempre farla. In Un altro momento. Non durante Sanremo!

Quest’anno è come se Sanremo fosse ospite o fosse stato inghiottito da altre trasmissioni.

Aridateme Pippo! O Bonolis…o perché no Fiorello.

Non ho molto da aggiungere se non che hanno ripescato Carone/Dalla e D’Alessio/Bertè (e meno male). E comunque sono le 00:24.

A domani…sperando in una cosa decente!

 

Ps. Ma che s’è (o non s’è) magnata Sarah Jane Morrris?

Ps2. Nella classifica di Itunes al momento la più scaricata è Noemi. Tra i giovani Celeste gaia e la sua Carlo. Che vi avevo detto io? ;)

FESTIVAL DI SANREMO 2012. SECONDA SERATA: FINALMENTE LA GARA.

La prima parte del Festival la perdo causa ritardo dal lavoro. Ma, in diretta telefononica con la mia amica Francesca, mi rendo conto che non sto perdendo molto, a parte l’esibizione di Nina Zilli che recupero successivamente.

Nina Zilli – Per Sempre.

Canzone debole. Continua a non convincermi. Lei sempre molto bella e dal dettaglio ricercato.

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 6

Voto Look: 8

Arisa – La Notte

Considerando che oggi è stata l’unica canzone che ho già scaricato…più l’ascolto più mi emoziono. Stupenda. Emozionante. La canzone del festival. Sembra una carezza nottorna.

Voto canzone: 10

Voto interpretazione: 10

Voto Look: 9

Gigi D’Alessio e Loredana Bertè – Respirare

l mio animo trash inizia ad amare la coppia D’Alessio/ Bertè… e la loro canzone così nazional-popolare! Aspettando la versione truzza con Fargetta nella serata dei duetti! Non vedo l’ora!!!

Voto canzone: 8

Voto interpretazione: 7

Voto Look: per il ribbon rosso (messo comunque dalla parte sbagliata) della Berte…un bell’8!

Entrano le donne inutili…con battute inutili e vestiti decenti. Comunque belle. Bisogna dare a Cesera ciò che è di Cesare.

Pierdavide Carone e Lucio dalla – Nanì

Comunque meglio…ma citando mio padre: “mah….mi aspettavo molto di più da Dalla”

Voto canzone: 6

Voto interpretazione: 7

Voto Look: 6

Alessandro Casillo – E’ Vero

Da Io Canto con furore… Tanta emozione e con una canzone di rara e scontata bruttezza!!!

Povero…poi bisogna dirgli che Justin Bieber ha cambiato look….

Voto canzone: 3

Voto interpretazione: 4

Voto Look: 5

(microfono aperto) Casillo “Cantato bene?” . Morandi: “Ma si dai…”

Giordana Angi – Incognita Poesia

Devo proprio commentare? Ok. Inutile.

Voto canzone: 3

Voto interpretazione: 4

Voto Look: 4

Matia Bazar – Sei Tu

Vinta la battaglia contro la vagina gigante, Silvia Mezzanotte e i Matia Bazar ci ricordano come si fa Sanremo. Bella canzone da Radio Italia.

Voto canzone: 7

Voto interpretazione: 8

Voto Look: 7

Eugenio Finardi – E Tu Lo Chiami Dio

La Canalis lo introduce come Ugenio Finardi. Annamo bene. Sempre mio padre: “Ammazza! se uno come Finardi deve cantare una canzoncina del genere…stanno messi male sti cantanti!”. Ecco. Non potevo metterla meglio!

Voto canzone: 4

Voto interpretazione: 5

Voto Look: 4

I Solidi Idioti. Preferisco non commentare.

Mio padre, che inconsapevole sta dettandomi il blog: “Ma questi non fanno ridere! Sono proprio idioti” io “si chiamano I Soliti Idioti…e si, non fanno ridere”. Lui” ah ecco. Nome appropriato”.

Vince coso di Io canto…vabbè…

Altro duello tra i giovani.

Iohosemprevoglia – Incredibile

Boh. Mi annoiava. Finti già arrivati.

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 6

Voto Look: 4

Celeste Gaia – Carlo

Quella che mi incuriosiva di più… un inizio promettente e un vestito da Barbie che va al mercato dei fiori. Orecchiabile e ottima tenuta di scena. si perde un po’ nel finale. Confido in un remix. Possibile tormentone.

Voto canzone: 8

Voto interpretazione: 8

Voto Look: 7 (il look ingenua scosciata tira sempre)

Sempre mio padre: “Sti giovani sono messi proprio male! vado a dormire, vah!”

Emma – Non E’ L’Inferno

Ok! Non era colpa di Celentano. La canzone di Emma è brutta e basta.

Voto canzone: 4

Voto interpretazione: 6

Voto Look: 3. Molto elegante con il suo vedo e rivedo nero su completino di bermuda bianchi e scarpe, sempre bianche, con zeppa. Sisisi Elegante!

Con un vestito tutto colorato…. Ecco a voi: visita ginecologica in eurovisione per Belen! Che bel momento di classe. Questo per cercare di rubare la scena all’ingresso di Ivana (reduce da torcicollo, pare)? Ah si. C’è anchela Canalis.

Entra e parla Ivana. L’interesse scende. Forse rivoglio le donne inutili.

Cambio repentino d’idea: che bello quando i belli hanno difetti…in questo caso è una bellissima risata da cavalla timida e un po’ ritardata. Potrebbe avere valore involontario di comicità.

Marlene Kuntz – Canzone per un figlio

Ma perché sono andati a Sanremo? Perché? E poi…con una canzone così banale??

Voto canzone: 3

Voto interpretazione: 5

Voto Look: 6.

Irene Fornaciari – Grande Mistero

Andiamo migliorando. I Marlene Kuntz hanno veramente ammosciato l’aria. Questa canzone ora sembra un’allegra sagra delle cotiche e della porchetta.

Anche i vestiti migliorano: questa volta non rubati più al papà ma alla zia.

Voto canzone: 4

Voto interpretazione: 5

Voto Look: 3

Samuele Bersani – Un Pallone

un pallone = una grande palla?!

Lui sempre belloccio però…bisogna ammetterlo…

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 6

Voto Look: 7

I soliti idioti. Vado a fare la pipì.

Passa Iohosemprevoglia. Ciao Ciao Celeste Gaia. Ci rivediamo per il remix.

Erica Mou – Nella Vasca Da Bagno

Auto-chiamatosi artista…

Posso usare una parolaccia? (tanto siamo a Sanremo…certo che posso!). Anzi no, io ho più classe: ma va a fare orecchiette con cime di rapa! Insopportabile!

Voto canzone: 3

Voto interpretazione: 4

Voto Look: 4

Bidiel – Sono Un Errore

Mah.

B D L = Beh Dai Levateve?!

Voto canzone: 3

Voto interpretazione: 3

Voto Look: 3

Chiara Civello – Al Posto Del Mondo

La “famosissima” jazzista ovviamente deve tornare a fare jazz. Il pop non fa per lei. Decisamente.

Voto canzone: 4

Voto interpretazione: 4

Voto Look: 8 sta molto bene in questo vestitino rosa Barbie. Ed è belloccia. Meglio sul palco che in foto.

Belen ci informa che le mutande le sono cucite sotto il vestito. Molto utile.

Noemi – Sono Solo Parole

Stupenda Noemi. Vestito bello, capelli raccolti (cambia colore, grazie), interpretaazione intensa. Canzone stupenda. Testo doloroso. Magica.

Voto canzone: 10

Voto interpretazione: 9

Voto Look: 8

I Beh Dai Levateve…se ne sono andati.

Altri due giovani. Non so se posso reggere…

Marco Guazzone – Guasto

Belloccio (per non parlare del direttore d’orchestra 22enne). Canzone interessante. Giacca stile discoball un po’ meno. Comunque da seguire…sperando in una bella carriera. Finalmente un giovane bravo.

Voto canzone: 7

Voto interpretazione: 8

Voto Look: 4

Giulia Anania – La Mai Che Non Ti Ho Scritto

Per la Anania cantare con la direzione di Vessicchio è un sogno di una vita. per lui, credo, l’incubo che rimarrà nel resto della sua.

Voto canzone: 2

Voto interpretazione: 2

Voto Look: 4

I soliti idioti che fanno i gay. Urto.

Non solo non mi fanno ridere quando fanno i gay, ma mi sento quasi offeso. E io ho un ottimo senso dell’umorismo.

Francesco Renga – La Tua Bellezza

Canzone rivalutata. Ieri non so come mai non avevo apprezzato. Veramente bella e magistralmente strutturata.

E lui è bono. Quanno ce vò ce vò!

Voto canzone: 8

Voto interpretazione: 9

Voto Look: 8

Doclcenera – Ci Vediamo A Casa

La canzone mi convince sempre di più. Orecchiabile, fresca e piacevole. Nulla di nuovo, ma molto piacevole.

Lei molto carina questa sera in vestitino molto rock-chic.

Voto canzone: 8

Voto interpretazione: 9

Voto Look: 8

Ivanka/Ivana fa un balletto. Utile. Bello. Sensuale. Fluido. E come no?

Dopo questi 30 secondi di staticità Morandi la manda a riposare…beh va beh, direbbe qualcun altro.

I soliti Idioti cantano nuovamente. Non mi fanno ridere.

Passa il turno Marco Guazzone. Strano.

Finalmente un ospite internazionale: Martin Solveig! Canta Hello ma senza I Dragonette. Molto carina come interpretazione. Finalmente un po’ di vita giovane e giovanile… ma tutto viene ammazzato e morandizzato nuovamente con una scenetta di Rocco papaleo che fa il finto DJ: perché?????!!!! Perché ci dobbiamo far riconoscere sempre???!!!

Esclusi:

Gigggggino e la Lory!!!!! Ma che scherziamo!!?? Questo è un Bastardo-dramma ratgato 2012!

Irene Formaciari. Strano. Ma tanto ce la ripropinano l’anno prossimo…

Marlene Kuntz. Gentilmente non lo fate mai più!

Pierdavide carone e Lucio Dalla. Questo è quello che si rischia quando ti viene chiesta una bella canzone e ti rifiuti di dalla! (dopo I soliti Idioti questa battuta scommetto che vi ha fatto sbellicare, vero?)

Domani comunque due delle quattro verranno ripescate tramite il televoto.

A domani!

FESTIVAL DI SANREMO 2012. PRIMA SERATA: LO SCONFORTO

 

Arrivo tardi e tutto trafelato…e perdo la canzone iniziale di Luca E paolo.

Mi becco comunque tutte le chiacchere politiche…che forse si potevano evitare. Necessito di musica!!!!

Passano poi alla presa per i fondelli di Celentano e, citando la sua ormai storica lavagna, scrivono “ Caro Adriano, avevi torto. La foca ha rovinato il paese!”. Ahhah

 

Arriva Gianni Morandi…e si apre ufficialmente la serata!

La sigla è ispirata ad Odissea 2001, o cose del genere, non guardo certi film…e devo dire che è di una bruttezza quasi imbarazzante!

Due chiacchere senza senso di Morandi…e pubblicità.

Certo…l’inizio non è di migliori!!!

 

Dolcenera – Ci Vediamo A Casa

Vestita da finta giovane, Dolcenera (che secondo Morandi sta conquistando l’Europa..) ci regala un bezzo ben strutturato e con possibilità di essere un tormentone. A primo ascolto mi piace e, nonostante non regali nulla di nuovo alla discografia, mi immagino già a canticchiarla alla radio.

Voto Canzone: 7

Voto interpretazione: 7

Voto look: 4

 

Samuele Bersani – Un Pallone

Vestito da mago Bersani mi regala una bella delusione. Canzoncina banalotta. Da lui mi aspetto molto di più.

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 6

Voto Look: 4

 

Arriva Rocco Papaleo.

Altre battute stile satira politica…ma durano poco.

Da Stiamo Uniti si passa Stiamo Tecnici (governo tecnico etc ). Vabbè…quando si torna alla musica???!!!

 

Noemi- Sono Solo Parole

Canzone stupenda, intensa, vera. Mi ha emozionato. Mi ci sono ritrovato.

Voro Canzone: 9

Voto interpretazione: 9

Voto look: & (forse la preferisco con i capelli lunghi)

 

Francesco Renga – La Tua Bellezza

Un look che vuole strizzare l’occhio ai gay…con una canzone che vuole strizzare l’occhio ai rockettari…ma sono solo strizzatine d’occhio. Banale.

Voto Canzone: 4

Voto Interpretazione: 6

Voto look: 5

 

Chiara Civello – Al Posto del Mondo

Non sapevo chi fosse prima…e onestamente ne potevo far a meno. Banale. Scontata. Già sentita (in tutti i sensi).

Voto Canzone: 4

Voto Interpretazione: 4

Voto look: 6

 

Irene  Fornaciari – Grande Mistero

Cara Irene Fornaciari, non ci interessa di chi sei figlia. Goditi i soldi di tuo padre e smettila di farci sanguinare le orecchie. Grazie.

Voto Canzone: 2

Voto Interpretazione: 4

Voto look: 3 (magari i vestiti rubali a mamma invece che a papà per la prossima serata…)

 

Morandi fa finta di introdurre un cantante e scoppia una fina guerra (oltre quella su twitter contro la Fornaciari). Io riconosco il video di Celentano…eccolo. Arriva.

Un monologo senza senso sulla chiesa, la Rai, etc…

Poi entra la Canalis che recita la sua parte: lei è l’Italia che vuole andar via dall’Italia…meno male che c’è lei a famme fa du risate!

Celentano canta, arriva Papaleo…io ho perso tutto l’interesse!

Celentano se la prende con Aldo Grasso…che non mancherà di rispondere (a tono, a giusto).

Compare Pupo…e fanno un siparietto politico veramente ridicolo, inutile, senza senso e fuori luogo! ARIDATEME ER TOTIP!

Autocito un mio tweet:

“l’unica cosa che mi farebbe rivalutare questo monento è l’idea della Bertè che entra e urla: “AVETE ROTTO ER CAXXO”!!!!  #sanremo

Magari l’anno prossimo 10 canzoni in più e tante cose fuori luogo in meno??? Grazie!

…e alla fine ci canta la sua (bella) canzone dall’ultimo cd. Non bastava fargli fare solo quello???

E dopo interminabili 50 minuti: pubblicità!

 

Torniamo alla gara, vah.

 

Emma – Non è L’Inferno

Forse non a caso la canzone “politica” dell’anno arriva subito dopo Celentano.

Sarà che Adriano mi ha provato, sarà che vorrei una canzone d’amore…ma non riesco a connettermi con il brano seppur meritevole.

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 6

Voto look: 7

 

Marlene Kuntz – Canzone Per Un Figlio

Speravo proponessero una bella canzone. Io ormai sono così desolato da questo festival che non riesco ad apprezzare più nulla. O forse non c’è niente degno di essere apprezzato?

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 5

Voto look: 6

 

…è quasi mezzanotte e devono cantare ancora metà dei cantanti…e invece cantano (in playback) Belen e la Canalis (che riesce a stonare anche con la voce preregistrata).

 

Eugenio Finardi – E Tu Lo Chiami Dio

Presentato dalle due donne inutili dell’anno scorso e da Morandi che lo definisce un ribelle (!!!)

Una bella e banale canzone d’autore.

Non necessitavo.

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 5

Voto look: 5

 

E finalmente….

 

Gigi D’Alessio e Loredana Bertè – Respirare

Pezzo poco più che mediocre. Di Sanremese memoria. Di D’alessiana memoria. ..già voglio bene a questa canzone. Quindi la promuovo! E sono sicuro che con il passare del tempo e on la versione da disco potrei trovarmi ad amarla in poco tempo.

Voto canzone: 8

Voto interpretazione: 7 (una coppia artistica da credibilità pari a zero…diciamolo…)

Voto look: 8 Bertè vestita da Moira Orfei con i capelli sciolti e 4 a Giggino.

 

Nina Zilli – Per Sempre

Una canzone banale che ha la presunzione di essere una grande e sontuosa  canzone. Inutile.

Voto canzone: 5

Voto interpretazione: 6

Voto look: 8 (almeno è bona)

 

Telegiornale

Rocco Papaleo che a questo punto può dire e fare tutto quello che vuole ma io sono talmente incazzato e deluso che potrei spuntare in un occhio a chiunque abbia pensato che questo potesse essere un Sanremo accettabile.

Il mio stato d’animo è talmente inviperito.

È mezzanotte passata e ancora devono cantare 3 cantanti su 14. E il programma è iniziato alle 20.30!

 

Pierdavide Carone e Lucio Dalla – Nanì

In questo momento voglio piangere. Neanche Dalla riesce a risollevare le mie speranza. Canzone troppo delicata e troppo di nicchia. Capisco lo sforzo e la direzione che Carone vuole prendere…ma anche per questa mi aspettavo di più.

Voto canzone: 6

Voto interpretazione: 7

Voto look: 6

 

Arisa – La Notte

Finalmente una canzone degna di questo nome! Delicata, grande, dal testo emozionante e quasi fuori luogo…ma mai fuori posto. Bella veramente.

Voto canzone: 10

Voto interpretazione: 8

Voto look: 8 (tenera nell’avere difficoltà nello scendere le scale con i tacchi…una bambinona dal vocione)

 

Matia Bazar – Sei Tu

La Mezzanotte torna in carica dei Matia e lo fa con la canzone sanremese che tanto necessitavamo per tutto il festival. Canzone carina…lei sembrava intrappolata in una grande vagina carnivora! Alto potenziale di longevità.

Voto canzone: 7

Voto interpretazione: 8

Voto look: 7

 

Morandi ci comunica che non ci sanno eliminati per guasti tecnici! La giuria in sala si ribella. A me sembra tutto ridicolo!! Domani quindi quattro eliminati…

Morandi ci presenta che i giovani con delle clip…

 

Loro salutano. Io piango…e rivoglio Pippo Baudo, la mora, la bionda…e tutte le cose nazional popolari!

ICONE GAY MADE IN ITALY. E PER ERRORE LOREDANA

ICONE GAY MADE IN ITALY. E PER ERRORE LOREDANA

Loredana Errore

Canzone simbolo: Ragazza Occhi cielo
Gemma dimenticata: La mia piccola casa
Canzone gay-friendly: Cattiva (feat Loredana Berte’)

Piccole icone crescono. Quando questo dizionario delle cantanti icone gay femminili mi venne in mente, io ero tornato da pochissimo da Londra (dove ho vissuto tra estate 2002 ed estate 2010) e la lettera E era in realtà destinata ad Elisa, che a dir la verità a me personalmente lascia un po indifferente…ma tanto piace alle mie amiche lesbiche e a tanti miei colleghi gay maschi.
Di Loredana Errore Io sapevo solo che era arrivata seconda ad Amici nel 2010 e che Rita Dalla Chiesa disse a suo tempo a Forum che voleva vincesse lei. Non la migliore delle introduzioni dunque.
Di lei venni a sapere successivamente che Biagio Antonacci ha scritto qualche canzone per il suo EP di esordio….la cosa mi lascia indifferente.
Poi arriva Sanremo 2011. Chi fino ad ora ha letto i miei blog sa quanto io abbia amato (e amo tutt’ora) Bastardo di Anna Tatangelo. Ecco, la prima volta che ho visto in vita mia cantare Loredana Errore e’ stata a Sanremo in duetto con Lady Tata. Nel mio blog sanremese l’ho definita posseduta. Confermo l’impressione.
(dedico questo video ai miei amici di Trashonisti)

Quello che pero’ iniziava ad essermi chiaro e’ che Loredana Errore non passa inosservata, sicuramente vale il detto “o la ami o la odi”….certo indifferente non può lasciarti. Inizio ad essere incuriosito.
Tutto si può dire di me tranne che sono un snob musicale. Ascolto tutto. Tutto quello che mi vene proposto prima di dire che non mi piace viene fatto passare nelle mie orecchie almeno una volta. E sono musicalmente molto curioso. Quando dopo un mesetto mi trovi davanti al video de il muro, incuriosito lo aprii.
Amo la freschezza e i suoni.
Decido di scaricare il suo primo EP. Ragazza Occhi cileo, La vedova nera e Ti amo la fanno da padrone.
Finalmente capisco che la lettera E del mio blog aveva una degna rappresentante.
Per essere sicuro che la nostra Loredana potesse entrare in questa lista sono andato a rispolverare il manuale d’uso: . Qui leggiamo che

SE pero’ abbiamo bisogno di trovare dei fattori comuni possiamo riconoscere nell’irriverente tragicità, in un’improbabile credibilità e da indiscutibili elementi di kitsch, gli indizi base per sapere che siamo sulla buona strada…

Commosso capisco che finalmente ho una nuova potenziale icona. Devo solo attendere l’album di prossima uscita…. E finalmente saprò.
Scopro da li a poco che nel disco sarà presente un duetto con un’altra Loredana, grande icona (gay e non gay) italiana.
Loredana Errore con Loredana Berte’. La canzone e’ Cattiva scritta da Biagio Antonacci che il duo presenta ad Amici di Maria De Filippi del sabato pomeriggio. Ascoltiamola.

Una delle performance in playback più belle che io abbia mai visto (vogliamo commentare i microfoni???!!!), degna di una coppa della gara di playback di Non e’ la Rai.
E che dire della canzone se non che e’ bellissima? Io mi convinco che ho davanti un personaggio che difficilmente abbandonerò.

Esce L’Errore. L’8 marzo…e io e’ praticamente da allora che lo ascolto in ripetizione.


Di tutti gli ex Amici di Maria la presenza di Loredana tra le icone gay come unica rappresentanza certo non e’ un Errore
(si…l’ho scritto veramente….lol).

Ogni bene,
Grazie
Igor