Archivi tag: Non voglio mica la luna

“SAPORE DI TE” : RECENSIONE DEL NUOVO FILM DEI VANZINA

SAPORE DI TE LOCANDINA

Una cosa che io amo è l’onestà. Onestà di sentimenti, di idee, di intenzioni…e quindi in base a questa mia premessa bisogna essere onesti, evitando facili snobismi, anche riguardo a questo film.

Quando mi trovo a fare una recensione di una qualsiasi cosa tengo sempre presente un motto inglese che mi di venne insegnato all’inizio della mia attività giornalistica: “Does it what it says on the can?” che tradotto letteralmente vuol dire “fa quello che dice sulla lattina?” che, messo in un italiano migliore, vorrebbe dire “mantiene la promessa fatta dalla confezione/pubblicità?”. Ecco… la risposta immediata per Sapore di Te è un ovvio si.

Con la premessa consapevole che si sta andando a vedere un film dei Vanzina, che potremmo tranquillamente aspettare di vederlo in TV… se si decide, come ho fatto io, di andare al cinema a vederlo è perché abbiamo voglia di leggerezza e qualche risata (anche scontata e casereccia).

Detto ciò, come è il film? Il film è molto gradevole e ripropone la formula dei vecchi Sapore Di Mare con un’ambientazione che si sposta dagli anni 60 agli anni 80; la cosa buffa che ho notato in sala è che c’erano molti giovani ma tra canzoni e citazioni che solo chi ha vissuto -o quantomeno realmente amato quegli anni- può aver colto, mi sono trovato spesso a ridere quando ridevano gli altri ma a ridere anche quando gli altri non lo facevano.

Un film dal sapore amarcord consigliato soprattutto dai 30anni in su in cui vengono raccontati e riesumati gli status symbol, gli usi e i consumi di un decennio che ha lasciato il segno; dove la politica, il gossip, i tradimenti, i primi amori e tutto quello che gira intorno a essi sembrano rimasti immutabili nel corso del tempo.

Tra gli attori spiccano la mia amata (e sottovalutata) Nancy Brilli e un formidabile Maurizio Mattioli che riesce ad equilibrare benissimo la sua romanità senza mai scadere (troppo) nell’ovvio. Vincenzo Salemme, Serena Autieri, Paolo Conticini, Martina Stella, Katy Saunders, Virginie Marsan,Giorgio Passotti, Valertia Graci… fanno tutti il loro lavoro in modo onesto e piacevole. Un occhio di riguardo va anche per il giovane Eugenio Franceschini che nel film fa innamorare tutte le teenagers…e in sala tutte le “teenagers dentro”.

La colonna sonora è ben pensata, infatti presenta brani famosissimi ma non scontati…quasi a voler rafforzare l’intento di film cult; non passa inosservata alla mie orecchie Non Voglio Mica La Luna di Fiordaliso, da sempre la mia canzone italiana preferita. Ma come non menzionare anche Surivor del compianto Mike Francis? e Tropicana del Gruppo Italiano?

Un film gradevole da vedere soli o in compagnia per svagarsi quell’oretta e mezzo e tornare in un mondo dove non esistevano cellulari, computer a portata di tutti e gli incontri erano segnati dal destino.

Il film alla fine fa un riassunto su quello che succederà ai protagonisti….e questo chiude un po’ la possibilità di un Sapore Di Te…Un Anno Dopo. Ma ancora non so se questo sia un bene o meno.

“Does it what is says on the can?”. La riposte è si…con un bel sorriso aggiunto.

INTERVISTA A FIORDALISO: I FATTI SUOI.

Del mio amore per Fiordaliso lo sapete e lo avete letto qui: https://discoigor.com/2011/08/01/icone-gay-made-in-italy-f-per-fiordaliso/. Inaugurare la sezione intervista del mio blog con una sua intervista, oltre ad essere un indubbio porta fortuna, è anche e soprattutto un onore.

Ciao Fiorda, prima di tutto grazie mille per il tempo concessomi.
Vorrei iniziare parlando del presente: stai portando in giro per l’Italia il tuo nuovo tour, SONO MUSICA TOUR. Cosa ci dobbiamo aspettare?

Sostanzialmente la scaletta è quella del il 30 Live On Stage ovviamente adattato agli spazi aperti; sono sul palco con la mia band e anche Gio’  nel finale

Da qualche mese è uscito il tuo ultimo album di inediti, SPONSORIZZATA. Bilanci?

Sicuramente riuscire a realizzare un progetto così impegnativo e ricco è stata una grande vittoria! Certo è dura senza l’appoggio delle radio ma sono molto soddisfatta: è entrato anche in classifica tra i 30 della top Italia!

SPONSORIZZATA esce dopo molti anni dal tuo precedente album di inediti. Come mai? Cosa è successo?
Come ti dicevo è difficile promuovere un disco oggi: non abbiamo l’appoggio delle radio, delle tv e delle major per cui bisogna aspettare il momento giusto e non cruciare il lavoro di mesi! Ma comunque diciamo che il teatro mi ha impegnata molto , 6 anni di repliche e quindi meno tempo per finire il progetto disco, ma alla fine è andata!
Sei molto amata dai gay e, a proposito, all’interno dell’album c’è FEMMINE, un bellissimo tango che parla di amore tra due donne. Come mai questa canzone?

Era nel cassetto da un po’ di tempo e l’ho voluta inserire per lanciare un messaggio chiaro: sono stanca dei cervelli piccoli che ancora parlano di diversi e che, peggio ancora, hanno atteggiamenti omofobi… siamo tutti uguali, con gusti diversi…tutto qua!

Voci ti vogliono al lavoro di un nuovo album di inediti. Ci anticipi qualcosa? Collaborazioni speciali?
E’ in fase embrionale, non ti dico nulla ma è vero. Una delle collaborazioni è con Roberta Faccani che ha scritto un pezzo bellissimo, poi altri autori che non ti dico per ora… comunque si …stiamo cominciando a lavorarci!
Laura Pausini recentemente ti ha menzionato come uno dei suoi idoli d’infanzia. Deve essere stata una bella soddisfazione. Magari un duetto con lei?

Laura è una delle artiste più generose che io conosca, mi ha invitata al suo concerto al Palalottomatica e, a sorpresa, mi ha cantato Non Voglio Mica La Luna con tutto il palasport…ero emozionata e commossa! Un duetto? …magari…siamo due belle toste…

A tal proposito,  tuo rapporto con “Non Voglio Mica La Luna”.?
Sono un po’ stanca di doverla sempre cantare quando mi invitano in tv etc… Ho fatto 9 festival etc etc. Ma sicuramente è la mia canzone simbolo e devo molto al suo successo, ha venduto oltre 6 milioni di copie e ci sono all’attivo una quindicina di cover, l’ultima di Sergio Dalma in spagnolo.

Negli ultimi anni sei molto attiva anche in teatro e TV. Necessità o passione?

PASSIONE ASSOLUTAMENTE , mi fanno tante proposte ma scelgo solo ciò’ che mi piace….come sempre!

C’è qualcosa di cui, professionalmente, ti sei pentita (un no o un si detto)?

Mah……io non rinnego nulla, assolutamente!

Collezioni “Fiordaliso”?

Nel senso se colleziono qualcosa? No.

Tra le tue canzoni, la tua preferita e perché?
Fatti Miei …sono io…

Sei presente su Facebook ma non su Twitter. Questo ti fa onore nel senso che non “segui la moda”. Il tuo rapporto con i social?

Twitter non mi piace, Facebook mi da modo di interagire a 360 gradi: foto, video e mi piace molto interagire con i miei contatti che sono meno di 1500 proprio perché’ non voglio averne troppi , non riuscirei a seguirli…
E’ uscita l’ennesima raccolta non autorizzata. Perché non farne una pensata proprio per i fans?

L’ascoltavo in macchina ieri sera tornando da un concerto a Potenza, ci chiedevamo infatti pecche’ non chiederci una bella foto nuova o un parere sulla scaletta, magari gli avremmo dato anche un inedito! Mah…
L’amore tutto ok?

Si! Ho il mio Gio’ :))))

Qualcosa che vuoi aggiungere e che non ti ho chiesto?

No, hai già’ rotto abbastanza i…… :p

…e ora ci intoni una canzone?
Auuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu…..presto capirai smile :) ciaooooo

Ciao a te, Marina…come al solito è un piacere romperti i…. :)

Potete avere aggiornamenti su Fiordaliso e le date del SONO MUSICA TOUR http://www.facebook.com/pages/Fiordaliso-fans-page/139568386095234 oppure potete andare a visitare il suo sito http://www.fiordalisoweb.it.

SPONSORIZZATA è scaricabile al seguente link iTunes http://itunes.apple.com/it/album/sponsorizzata-live/id479571782

ICONE GAY MADE IN ITALY. F PER FIORDALISO

FIORDALISO

Canzone simbolo: Non voglio mica la luna
Gemma dimenticata: Il Portico di Dio
Canzone gay-friendly: Il mare piu grande che c’e’ (I Love you man)

Marina Fiordaliso. Basterebbero cinque parole per concordare con me perche’ inserirla in questo mio scanzonato dizionario: Non Voglio Mica La Luna.

Non per niente e’ la mia canzone italiana preferita…e anche il mio cavallo di battaglia al karaoke! Credo che queste come credenziali possano bastare…ma so gia’ che chi sta leggendo ha bisogno di altro….
Identificare la canzone più gay-frindly nel suo repertorio e’ stato comunque facile… E’ bastato cercare la canzone che più ho sentito mia nel corso degli anni:

E qualche volta ho peccato
Perfino di ingenuità
In qualche letto sbagliato
Qua e là
Ma dimmi chi non lo fa

Trent’anni vedi non mi fanno male
Mi sento giusta così
Con questa notte da spogliare
E questo mare che poi ci bagnerà

I love you man……

Potrei arrivare a dire che sono tra le strofe che meglio possano descrivere un gay che si trova davanti al dato di fatto che e’ il tempo che passa…

Nonostante negli ultimi anni la sua produzione discografica si sia diradata, Fiordaliso rimane tra le artiste che più hanno influenzato, emozionato e accompagnato i primi 36 anni della mia vita.
E’ nella sua voce raucamente vellutata la sua forza; forza che usa per entrarti dentro.
Vorrei ricordarvi questa interpretazione risalente a Sanremo 2002:

Ti auguro di avere un bel rimpianto
Di quelli che ti spaccano a metà
Di piangere due lacrime ogni tanto
Sicuramente a me succederà

Lo so farò di tutto per scordarti
Sai quanti ne trovo come te
Ma consolarsi con gli amori svelti
Per una donna…facile non è

Ricordo ancora quando sentii questo pezzo per la prima volta: era il mio primo Sanremo a Londra (ma questa è un’altra storia…). Rimasi senza fiato e con gli occhi lucidi. Attendevo un ritorno di Fiordaliso nella kermesse canora da tempo…ma questo brano era andato oltre le mie (già alte) aspettative.
Una canzone e un’interpretazione degne di un film di Pedro Almodovar dove corpi e colori hanno solo una passionale e surreale sessualità senza tempo e senza età.
Con Accidenti a te Marina era riuscita a raccontare in modo credibile una sofferenza in cui chiunque fosse stato lasciato per “l’illusione che lasciarsi fa ringiovanire” si poteva riconoscere.

Ma il raccontare la sua età e le sue esperienze (anche con canzoni scritte da altri) e’ stata sempre una costante nella carriera di Marina che è infatti sempre riuscita ad identificare il suo pubblico, sia quello già consolidato che quello potenziale:
Passando dalla mamma (giovane) de Il mio angelo alla donna che finalmente ha voglia di giocare con la sua sensualità e femminilità’ di Cosa ti farei, Fiordaliso ha per anni offerto e cercato rinnovo e cambiamento nel suo essere fedele a se stessa ed è stata evidente la sua voglia di non rimare fossilizzata in uno schema ma di rischiare sia come donna che come artista. Scelta che forse, nel secondo caso, non ha portato i frutti sperati (e meritati) ma che ha poi permesso l’esplorazione di altri talenti e aspirazioni.
Come (troppo) spesso succede la gente tende a identificare un artista solo dal suo cavallo di battaglia dimenticando che spesso sono le cose che non si conoscono ad essere le più belle e intimistiche.
Nonostante Non Voglio Mica La Luna sia la mia canzone italiana preferita…questo non toglie il fatto che Fiordaliso abbia fatto anche canzoni più belle e spesso ignorate dal grande pubblico.
Io v’inviterei all’ascolto de il Portico di Dio (tratto dall’omonimo album):

Ma anche pezzi come:
E tu che guardi me:

In uno soazio senza fine:

Io onestamente non so se Fiordaliso sia veramente considerata un’icona gay….ma in ogni caso meriterebbe maggiore attenzione dal pubblico arcobaleno e per capire perché basti leggere quest’estratto da un’intervista rilasciata a gay.it a Luglio:

Che rapporti hai con il pubblico gay?
Per me la parola gay non esiste. Sono tutti uguali, non mi fa né caldo né freddo se uno è gay o meno. Forse ti posso dire che i gay sono in genere un po’ più caldi, perché hanno meno inibizioni, quindi credo che questo concerto mi darà un po’ più di soddisfazione. Per il resto io trovo che dire “il pubblico gay” sia un po’ come costringere delle persone in una categoria. Per me c’è il pubblico e basta. Se poi vogliamo dire gay perché ci sono dei gusti sessuali diversi allora va bene. Ma io non vedo nessuna differenza: l’ho sempre pensata così, fin da quando sono una ragazzina, non è che sono diventata così…
E cosa mi dici a proposito delle rivendicazioni che il “mondo gay” porta avanti?
In quelle hanno solamente ragione. E’ un po’ come le femministe… Però io devo dire che io avevo degli amici gay all’inizio della mia carriera (e che ho tuttora) e allora erano veramente guardati a vista: c’erano i genitori che quando sapevano che il figlio era gay si facevano venire un mezzo infarto. Adesso si fanno venire solo un po’ di febbre… piano piano le cose sono un po’ cambiate. Uno può dire “Ah, mio figlio è gay” senza scomporsi più di tanto. Almeno al nord; al sud è ancora un po’ una tragedia.
Quindi saresti anche d’accordo col matrimonio gay?
Ma scherzi? Io non capisco nemmeno perché non lo fanno. Non ha senso per me, non vedo nessuna differenza: io sono talmente avanti con la testa che trovo assurdo anche fare manifestazioni, però capisco che non sono tutti come me. Il fatto, ad esempio, che una coppia gay non può adottare un bambino, io lo trovo talmente assurdo che non lo riesco a capire, però purtroppo la realtà è questa e bisogna fare anche le manifestaazioni.
Ti è mai capitato di interpretare una canzone in cui trattavi di argomenti vicini all’omosessualità?
Io l’ho sempre voluto fare negli anni ’80, ma me l’hanno sempre proibito. Avevo la fissazione di fare la canzone di una donna che aveva un amore per un’altra donna; ma me lo hanno sempre proibito, sempre, sempre, sempre. Mi hanno sempre detto che non sarebbe stato capito, che non era il caso… Io mi ricordo di una canzone bellissima che si chiamava “Rosa” di un album, che poi mi hanno completamente stravolta, che parlava di una ragazza che aveva scelto di essere single perché amava un’altra donna, e invece purtroppo le ho dovuto fare amare un uomo. Allora era così… Ma anche adesso è lo stesso. Non mi viene in mente nemmeno un cantante italiano che abbia fatto canzoni in cui si parla di questi argomenti liberamente; manca il coraggio…
Sì. Anche quando l’ha fatto Ivan Cattaneo, poi non si è più visto in giro…
Sì, ma anche lì non era molto chiaro, non si usava i termini precisi, era tutto molto sottinteso: non si usa “io amo lei” e lo dice una donna, o “io amo lui” e lo dice un uomo. Sono in pochi ad averlo fatto, e per ora non me ne viene in mente neanche uno.

Detto ciò io vi invito calorosamente a riprendere familiarita con il suo bellissimo repertorio…in attesa del suo nuovo album (era l’ora….) in uscita per Natale 2011. Sperando che a questo giro la Luna sia solo il suo punto di partenza.

Ogni bene,
Igor

ps vi lascio con un video che a me fa ridere molto…. Marina Fiordaliso with Apple