Archivi tag: sigle tv

TRASH MON AMOUR : NATALIA ESTRADA – DISCOGRAFIA

disco igor natalia estrada

Voi lo sapete, dove c’è il così detto trash musicale e televisivo (che io preferisco chiamare diversamente artistico) ci sono io a tesserne le lodi e buttarmici in mezzo. Però c’è trash e trash. C’è quello becero, spicciolo, senza impegno e volgare…e c’è quello sublime che piace tanto a me.

Della seconda categoria rientra sicuramente Natalia Estrada e la sua discografia.

Ora, bisogna fare qualche premessa:

  1. Natalia Estrada in TV mi manca.
  2. Belen è la nuova Natalia.
  3. La discografia della Estrada….si, oggi parliamo di questo!
  4. Anche solo per una canzone e la mia foto, tutto questo articolo merita.

Come ogni showgirl anni 80/90 la Estrada ha registrato innumerevoli sigle TV inspiegabilmente mai incise su alcun tipo di formato in quegli anni, ma allo stesso tempo tra il 1997 e il 1999 ci sono stati veri e propri tentativi musicali con tanto di contratto discografico reale.

Per andare con ordine dobbiamo iniziare da questo (indimenticabile) spot

In quel periodo regalavano questo cd con ogni bottiglia di Cenar

est

…a questo punto credo di essere stato l’unico o uno dei pochi ad avere questo CD e ad averlo effettivamente ascoltato. Diciamo senza mezzi termini che la copertina non faceva esattamente ben sperare…ma, perché c’è un MA, mi si illuminarono le orecchie a festa: qualcosa mi suonava famigliare. Chi si ricorda la sigla di Fuego!? (qui per rinfrescarvi la memoria). In pochi hanno realizzato che quel motivetto accattivante non era altro che l’intro di questo pezzo:

Capite quindi come una persona come me possa essere tranquillamente entrato in fissa con questo CD da gusto di carciofo? Eres Tierra Del Sol rimane tutt’oggi una delle mie canzoni spagnole preferite. Senza ma e senza se.

Una cosa abbastanza singolare riguarda invece le sue esibizioni al Festivalbar di quell’anno che la volevano protagonista sia con Eres Tierra Del Sol ma anche con Bananas Y Frambuesa, versione spagnola di Banane e Lamponi di Gianni Morandi. In uno speciale arrangiamento super latino, la canzone ha trovato spazio nel singolo di Eres e nella compilation di Festivalbar Latino del 97.

Ma nonostante questo non venne inclusa all’interno del primo (e ultimo) album della Estrada che prendeva il suo nome.

R-4761256-1374669481-2812

 

(Cara Eleonora Sciortino, se ti vuoi dilettare puoi fotomontare la mia faccia su questa foto, grazie).

All’interno dell’album c’è un po’ di tutto: belle canzoni, brutte canzoni, la cover de La Banda in spagnolo, canzoni da villaggi turistici, canzoni da balere, canzoni dal sapore latino che non sfigurerebbero in alcun album di Thalia o Paulina Rubio. E poi c’è questa:

Che io vedrei perfetta coreografata per zumba (che alcuni di voi sanno essere una delle mie passioni massime degli ultimi anni).

Ma c’è anche una chicca truzza-trashona che non può non lasciare quell’effetto di voler smettere di ascoltarla immediatamente ma non si può far a meno di rimetterla appena finita:

Un’altro brano riciclato (giustamente) dal CD Cynar è Oilì Olilà

Insomma, un CD che può riservare delle piacevoli sorprese se vi piacciono i suoni latini e leggeri….quasi estivi, direi.

Ormai la Estrada ha deciso che ha chiuso con le sue velleità artistiche e si è data all’ippica. Nel  verso senso della parola…quando la verità va a oltre la battuta scontata!

Le quotazioni della discografia di Natalia Estrada sono abbastanza basse…diciamo che con 30/50 euro potreste riuscire ad accaparravi tutto su ebay…senza dimenticare delle perle aggiunte negli ultimi anni su iTunes (e disponibili anche su Spotify) di alcune canzoni cantate dalla showgirl cavallerizza spagnola a La Sai L’ultima come la versione dance di My Heart Will Go On e….vabbè, non vi tolgo il gusto di andare a scovarli da soli….bei carciofoni miei!!!

Olè.

#ARRIVACRISTINA : CRISTINA D’AVENA OSPITE DEL MUCCASASSINA

1375108_593754610682713_175411959_n

 

Il 18 ottobre 2013 è sicuramente una giornata di quelle che non mi dimenticherò. Come qualcuno avrà intuito sul mio Facebook non sto passando il periodo -professionale- più sereno della mia vita…cosa che cerco di combattere con palestra e qualche risata extra.

Quando Angelo Pellegrino, direttore artistico  del Muccassassina -presto ospite di questo blog- e Paola Penelope – la regina drag- mi hanno involontariamente motivato ad andare al Muccassassina non mi sarei mai aspettato che avrei passato una delle serate più spensierate e allegre degli ultimi anni.

Complici i già citati Angelo E Penelope, ma grazie soprattutto a Stefano Mastropaolo e Andrea Maccarrone del circolo Mario Mieli, è finalmente avvenuto un mio sogno (comune a molti noi) di bambino: incontrare Cristina D’Avena.

IGOR SCOPELLITI DISCOIGOR CRISTINA D'AVENA

Poco prima della sua esibizione sono riuscito ad entrare nel camerino e farmi autografare due cassette di Licia (grazie Claudia) e fare una foto….e sentirmi dire da lei “Che Meraviglia”… Ovviamente da quel momento avevo un sorriso stampato per tutta la notte.

cristina d'avena autografo cassette licia

 

 

Il tempo di contemplare per altre 5 minuti i miei autografi e far morire d’invidia tutti miei contatti Facebook con la foto con Cristina, è arrivato il momento dello show.

Accolta da Paola Penelope, le sue amiche drags, i ballerini, Andra etc etc… Cristina sale finalmente sul palco e il mondo pare fermarsi. Era una vita che non vedevo un entusiasmo del genere per qualcuno… tutti felici, sorridenti… tutti presi a cantare, ballare e scherzare.

Per l’occasione, per permettere a quante più persone possibili di vedere bene il mini-concerto, l’esibizione si era stata organizzata al terzo piano che era pieno e gremito di gente allegra!

Cristina sta ben oltre il tempo previsto continuando a regalare sigle dopo sigle cercando di accontentare tutte le richieste…tanto da arrivare a fare Creamy accappella con “noi” per mancanza della base…

I momenti più esilaranti sono stati sicuramente con Pollon, Memole, Jem, Dragon Ball, Mila & Shiro,Denver…e ovviamente Occhi Di Gatto,

Anche se forse farei prima a fare la lista di TUTTE le canzone cantate…e in più di 45 minuti ne ha cantate veramente tante!

Finita Cristina, la serata è tornata ad essere una normale serata al Muccassasina…anche se lo spirito gioioso e fanciullesco si era ormai posseduto di tutti noi.

Una serata in cui il pop ha vinto. Una serata in cui il Muccassasina ha vinto. Una serata dove, con il mio bottino da bambino, ho vinto un po’ anche io.

Grazie a tutti quelli che hanno reso questa serata così indimenticabile.

IGOR SCOPELLITI DISCOIGOR PAOLA PENELOPE