COME NON DETTO – Recensione & Riflessione.

Di storie a tematica omosessuale al cinema ne abbiamo viste tante, ma raramente mi era capitato di vedere un film su quello che è il momento forse più intenso e temuto nella vita di un gay: il Coming Out (il dichiararsi, per chi ancora non lo sapesse).

Come Non Detto, film d’esordio di Ivan Silvestrini (qui l’intervista che ho fatto a lui), si definisce Il Manuale Del Coming Out. E non delude le attese.

Il fatto che la trama sia incentrata sui tentativi del giovane Mattia, interpretato da Josafat Vagni, di rendere perfetto il momento della comunicazione del suo orientamento sessuale,  rende l’accettazione dell’omosessualità, sia sa parte del protagonista che da parte del mondo a lui circostante, un fattore secondario e normale. Le fasi, quasi inevitabilmente, stereotipate di molte giovani vite gay, vengono qui raccontate con delicatezza, garbo, ironia e verità come raramente mi era capitato di vedere in un film: i primi dubbi, gli attacchi omofobi, i primi turbamenti sessuali, il primo bacio, la prima volta, i primi sconforti, le prime lacrime di gioia e tutti i passaggi del percorso dello sviluppo del proprio io; Tutto,  anche l’emozione e l’imbarazzo del primo locale gay (qui il Muccassassina con un imperdibile Francesco Montanari nei panni della Drag Queen Alba Paillettes), è raccontato con magistrale ironia e accurata garbatezza.

Un film che gode di una sceneggiatura, un montaggio e una recitazione che quasi ti fanno dubitare che il tutto possa venire da una produzione nostrana. Una storia così vera che ti fa domandare come sia possibile che l’Italia sia così indietro per quanto riguarda i diritti civili della comunità GBLT.

Credo che per molti gay, specie della mia generazione, vedere questo film sia come fare un tuffo nel proprio passato e nella propria vita. A volte con un amaro sorriso sul volto. Ma con la consapevolezza che le rivincite, nella vita, posso arrivare se solo si cercano.

Certo, è un film e tutto sembra più bello e più facile. Ma del resto, quando la vita è quella degli altri ad essere vissuta e raccontata, non sembra sempre più facile della nostra?

Nel film è fondamentale il fondersi di tutti i personaggi secondari che hanno gli stessi spazi e la stessa importanza nella stesura del film. Dalla nonna 83enne che non si arrende alla vecchiaia e decide di trovare lavoro, il padre (Ninni Bruschetta) di stampo tipicamente italiano e al confine con l’omofobia, alla madre (Monica Guerritore) premurosa e apprensiva, la  sorella (Valentina Correani) al limite del coatto, la classica amica (Valentina Bilello) innamorata del suo migliore amico gay. E poi lui, il grande amore, capace di farti fare passi da gigante (dal fare coming out al trasferirsi all’estero).

Tutto in questo film è raccontato in modo delizioso. Mai volgare, sempre ironico. Un film in cui le ristare e le lacrime di mischiano e susseguono come fossero un tutt’uno. Come del resto è la vita.

La colonna sonora è poi perfetta: una canzone d’amore delicata interpretata da Syria (che io adoro…) Featuring Ghemon.

Un film che mi ha fatto ricordare, con un sorriso, il mio (i miei, per l’esattezza) coming out. Ma quello, forse, è tutto un altro post….

Da vedere.

Annunci

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. soniagazzelloni ha detto:

    Bella recensione! Anch’io credo che sia ora di togliere riflettori e le sopracciglia alzate dall'”essere gay” e spostarli invece sui problemi di vita quotidiani dei ragazzi normali… gay e non. Non mi convince solo la locandina un po’ troppo american pie mentre lo stile del film non è affatto un’americanata… vabbè, attirerà piu gente che ha bisogno di aprire gli occhi al botteghino…

    1. discoigor ha detto:

      Esatto Sonia, attiriamo la massa…e cerchiamo di farla cambiare usando le nostre armi, quelle della sensibilità.

  2. semplice amante di cinema ha detto:

    ma se non fosse che parla di gay cosa ha di diverso da un film di Moccia? :-/
    dai, prevedibile fiacco e con personaggi macchietta (dalla mamma, a Alba, al cattivo di scuola, alla nonna)
    buonista e girato come fosse una minifiction televisiva
    mi spiace ma il film, per quanto meglio dell’orrido “good as you” è appena sufficiente

    1. discoigor ha detto:

      Io credo che anche una delle sue forse è proprio quello di raccontare un argomento così difficile da affrontare con se stessi, con un linguaggio che può e riesce ad arrivare a tutti.
      I dialoghi, le citazioni e i personaggi hanno, a mio parere, sfumature molto profonde. Macchiette? Onestamente il termine macchietta mi fa sovvenire più altri film o programmi/ serie tv italiane.
      Io raramente esco soddisfatto dal cinema…ma questa è stata decisamente una di quelle volte.
      Ma ripeto, questa è la mia opinione…e rispetto la tua ;)
      Sicuramente non andremo mai al cinema insieme ah ah ah

  3. Gianna ha detto:

    Io penso che andrò proprio a vederlo….mi e’ piaciuto tanto il trailer e sopratutto la tua recensione che in modo molto semplice e chiaro fa capire che in questo film vedremo la vita e noi che scopriamo le nostre identità, lottiamo per salvaguardarle da un collettivo spesso superficiale…. Mentre non dovremmo avere nessun problema a vivere ciò che siamo!lnessuno di noi esseri umani!!! Io adoro Almodovar..perché racconta e descrive benissimo tutto questo!,descrive la vita in tutte le sue sfaccettature….la sofferenza e l’animo umano con un profondo rispetto per la persona!!! Come non detto dovrebbe essere ironico e leggero, non superficiale, spero altrettanto realistico!:)))) ti faro’ sapere cosa ne penso..:)))<3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...